Cerca...
TOP

Le mie letture di aprile 2020

Le mie letture di aprile 2020

Buon primo 1° maggio. Oggi voglio ricapitolare con voi le mie letture di aprile. Sono state tantissime (complice la reclusione da quarantena) e sono state  promosse (quasi) tutte. Aprile è stato il mese delle scoperte: dalle poesie a un’autrice giapponese passando per gli intramontabili classici russi.  L’unica cosa che mi mancherà di questo periodo saranno sicuramente tutte le ore dedicate alla lettura.

Ritratto della scrittrice da giovane Virginia Woolf e Nadia Fusini

Ritratto della scrittrice da giovane - Virginia Woolf - Utet

Ritratto della scrittrice da giovane Virginia Woolf e Nadia Fusini  (Utet) una raccolta indimenticabile di lettere in cui emerge una Virginia vivace, divertente e meno malinconica (LEGGI QUI la mia recensione –  ACQUISTA QUI il libro).

L’erba di ieri di Carolina Schutti

L'erba di ieri - Carolina Schutti - L'Orma editore

L’erba di ieri di Carolina Schutti (L’orma editore) non mi ha lasciato completamente soddisfatta. Originale e potente mi ha lasciato con troppe domande in testa ( ACQUISTA QUI il libro – LEGGI QUI la mia recensione).

Delitto e castigo di Fëdor Dostoevskij

Delitto e castigo - Fëdor Dostoevskij - Garzanti

Se dovessi eleggere il libro del mese, dell’anno, non avrei dubbi: Delitto e castigo di Fëdor Dostoevskij (Garzanti). Ha atteso nove anni in libreria ma finalmente è arrivato il suo momento (LEGGI QUI la mia recensione ACQUISTA QUI il libro).

I baffi

I baffi - Emmanuel Carrere - Adelphi

Primo vero incontro con Emmanuel Carrère e I baffi (Adelphi), sono rimasta stupita. Non mi aspettavo un libro così ricco e profondo (ACQUISTA QUI il libro – LEGGI QUI la mia recensione).

Paranoia

Paranoia di Shirley Jackson (Adelphi) è una raccolta di racconti, riflessioni, battute della scrittrice. Un modo per conoscerla meglio e per lasciarsi sorprendere (ACQUISTA QUI il libro).

Lizzie

Lizzie - Shirley Jackson - Adelphi

Lizzie di Shirley Jackson (Adelphi) è un po’ un libro dell’orrore. La protagonista ha diverse personalità che abitano il suo corpo e ci stupisce ad ogni pagina (ACQUISTA QUI il libro – LEGGI QUI la mia recensione).

Tre vivi, tre morti

Tre vivi tre morti - Ruska Jorjoliani - Voland

Tre vivi, tre morti di Jorjoliani Ruska (Voland) è un libro che fore non ho compreso fino in fondo. Ambientato durante gli anni Cinquanta, è un libro carico di non detti e retroscena non svelati, in cui la Storia è una grande protagonista insieme ai personaggi (ACQUISTA QUI il libro).

Felice come la coda di un cane

Felice come la coda di un cane - Anna Swirszczynska - La Parlesia

Felice come la coda di una cane di Anna Swirszczynska (La Parlesia editore) è stata per me una folgorazione. Una raccolta di poesie bellissima e che difficilmente scorderò (LEGGI QUI la mia recensione – ACQUISTA QUI il libro)

 

L’isola dei senza memoria

L'isola senza memoria - Yoko Ogawa - Il Saggiatore

Aprile è stato una scoperta. L’isola dei senza memoria di Yoko Ogawa (Il Saggiatore) è un romanzo distopico (quando odio questo termine) in cui le persone che abitano su un’isola in uno spazio e in un tempo imprecisato, perdono progressivamente la memoria. Cosa siamo senza i nostri ricordi’ (ACQUISTA QUI il libro – LEGGI QUI la mia recensione).

Oblomov

Oblomov - Ivan Goncarov - Einaudi

Oblomov di Ivan Aleksandrovic Goncarov (Einaudi) è un altro capolavoro russo che rischiava di aspettare troppo in libreria. Una lettura necessaria, un grande classico da riscoprire (ACQUISTA QUI il libro – LEGGI QUI la mia recensione)

Pomeriggio d’estate

Pomeriggio d'estate - Shirley Jackson - Adelphi microgrammi

Pomeriggio d’estate (sì sempre di Shirley Jackson) fa parte della nuova collana Microgrammi di Adelphi. Anche qui ci troviamo di fronte a una mini raccolta di racconti che devo dire mi ha convinto molto di più de La lotteria (LEGGI QUI la mia recensione – ACQUISTA QUI il libro).

Tutto scorre…

Tutto scorre di Vasilij Grossman (Adelphi) è un libro impossibile da dimenticare. Grossman  anche qui ha una scrittura che non fa sconti a nessuno e forse per questo emoziona e commuove ancora di più mentre racconta la storia di un uomo che coincide con quella di una nazione (ACQUISTA QUI il libro).

 

Tempo variabile

Tempo variabile - Jenny Offill - NN editore

Tempo variabile di Jenny Offill (NN Editore) è un libro molto lontano dai miei canoni. Eppure leggerlo durante i giorni di paura e isolamento forzato, mi ha dato una sorta di conforto. Questa simpatica e sgangherata protagonista che si fa domande sul mondo mi ha ricordato un po’ me stessa (LEGGI QUI la mia recensione – ACQUISTA QUI il libro).

L’ultima seduta spiritica

L'ultima seduta spiritica - Agatha Christie - Mondadori

Con Agatha Christie non si sbaglia mai. L’ultima seduta spiritica è una raccolta di racconti un po’ diversa. Qui la regina del giallo mescola la paura con gli eventi soprannaturali, libro super promosso (LEGGI QUI la mia recensioneACQUISTA QUI il libro).

Il magnifico

Il magnifico Spilsbury 

Il magnifico Spilsbury di Jane Robins (Einaudi)  è il racconto di una serie di omicidi. Non solo, è la fotografia di un’epoca in cui le competenze scientifiche cominciavano ad affacciarsi e diventavano fondamentali in tribunale. Una lettura interessantissima (ACQUISTA QUI il libro).

«

»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Segui @lalettricecontrocorrente