Cerca...
TOP

RECENSIONE: L’ultima seduta spiritica (Agatha Christie)

L'ultima seduta spiritica - Agatha Christie - Mondadori
RECENSIONE: L’ultima seduta spiritica (Agatha Christie)

L'ultima seduta spiritica

Valutazione:
three-half-stars
Autore:
Traduttore:
Pubblicato da:
Data uscita:
22/10/2019

Pagine:
336
Genere:
ISBN:
9788852098062
ASIN:
B07YHFFD6H
Acquista:

La trama

Simone è una giovane medium molto dotata, ma anche logorata dalle esperienze vissute durante le sue sedute spiritiche. Soprattutto quelle con Madame Exe, che cerca un contatto con la figlioletta morta. Simone, che sta per sposarsi con Raoul Daubreuil, ha ormai deciso: guiderà un'ultima seduta per Madame Exe, come d'accordo, e dopo il matrimonio smetterà l'attività. Raoul acconsente, ignaro della tragedia che si sta preparando Per gli amanti del racconto gotico e del terrore, una serie mozzafiato di storie di mistero e soprannaturale, tra visioni psichiche, antiche sepolture e messaggi dall'Aldilà che vedono impegnati anche Miss Marple e Poirot.

 -Paura –

L’ultima seduta spiritica di Agatha Christie (Mondadori)   è una raccolta di racconti che ho apprezzato tantissimo. Innamorata di Appuntamento con la paura (LEGGI QUI la mia recensione), è stato bello respirare qui la stessa aria di quel volume.

Per la tappa di aprile della Read Christie 2020, bisognava scegliere una storia (o in questo caso più di una) che Agatha avesse tenuto nascosta, o  un’opera postuma. Come al solito mi sono avvalsa dei consigli dei ragazzi di Radicalging e così ho scoperto che ne L’ultima seduta spiritica (volume acquistato lo scorso anno) erano presenti due componimenti che mi sarebbero serviti: Il Villino degli usignoli e La moglie del Kenita, tradotto proprio da Marco Amici di Radical Ging. E partiamo proprio da questo: Herr Schaefer è un soldato tedesco che si ritrova in una fattoria in compagnia di una donna che misteriosamente lo inquieta e lo accoglie… qui il mistero non c’è, resta solo la spietata sete di vendetta. Respiriamo inquietudine durante tutto il racconto, da un momento all’altro potrebbe succedere qualcosa sì, ma cosa? Lo scopriremo, insieme al perché, nella manciata finale di parole.

Ne Il Villino degli Usignoli invece, la protagonista è la bella e ricca Alix che dopo una lunga relazione con Dick, decide di sposarsi con Gerlad. Tra i protagonisti senza dubbio la casa dall’atmosfera stregata…

Era stato Gerald a trovare il Villino degli Usignoli. Era venuto da Alix, che non stava più nella pelle per l’eccitazione, aveva trovato proprio il osto che ci voleva per loro…unico… una gemma… un’occasione di quelle che capitano solo una volta nella vita.  E quando Alix lo aveva visto, anche lei ne era rimasta incantata. D’accordo che era situata in un posto piuttosto solitario, a tre chilometri dal villaggio più vicino, ma la villetta in se stessa, era talmente graziosa con quella sua aria all’antica, e gli autentici comfort che offriva con le sue stanze da bagno, l’impianto dell’acqua calda, la luce elettrica e il teelfono, che era immediatamente rimasta vittima del suo  fascino. Poi era sorto un inghippo. Il proprietario, un uomo facoltoso che se l’era costruita per capirccio, non aveva voluto saperne di affittarla. Era soltanto disposto a venderla.

Forse perché voleva disfarnsene? Cosa succederà dentro a quella residenza isolata?

La paura è una costante in questi racconti e l’ombra del soprannaturale, del paranormale è sempre in agguato, anche quando si tratta di Poirot ne La maledizione della tomba egizia: la scoperta e l’apertura della Tomba del re Men-her-Ra causa una raffica di morti:

(…) Tre imorti, Monsieur Poirto – ciscuna spiegabile se presa di per se stessa, ma che nell’insieme formano una coicindenza quasi incredbile – me tutte avvenute un meso dopo l’apertura della tomba! Semplice superstizione o una potente maledizione del passato che agisce in un mondo che la scienza moderna non è in grado di spiegare, non lo so. Ma resta il fatto: tre morti! E ho paura, Monsieur Poirot, ho una tremenda paura che la lista delle sciagure non sia finita.».

L’angoscia non ci abbandona nemmeno durante  L’ultima seduta spiritica che dà il titolo alla raccolta. Una giovane medium accetta di evocare la figlia  morta di una signora, sarà solo l’ultima volta…In uno specchio scuro accadono cose che la mente non può spiegare e anche in SOS tentiamo le orecchie e aspettiamo i segnali degli spiriti…

L’ultima seduta spiritica è…

Una raccolta insolita per chi è abituato alla Agatha dei romanzi. Qui non ci sono colpi di scena geniali o macchinosi. La Christie usa poche parole per tracciare un quadro inquietante e all’apparenza inspiegabile. La spiegazione paranormale si insinua nella mente del lettore guidato dall’inquietudine e  a volte svanisce a fronte di una spiegazione logica e a volte no, proprio come in Appuntamento con la paura questa è una raccolta originale e divertente.

L’ultima seduta spiritica è adatta per chi ama i gialli e per chi invece no, perché qui non ci troviamo di fronte alle storie con una trama canonica. Io non ho scelto un ordine preciso e ho saltato qua e là a seconda dei titoli che mi ispiravano di più. Sono sicura che come Appuntamento con la paura , questo libro sarà destinato a farmi compagnia ancora per molti anni.

 

L'ultima seduta spiritica - Agatha Christie - Mondadori

three-half-stars

Alcune note su Agatha Christie

Agatha Christie, pseudonimo di Agatha Miller (Torquay, 1890 – Wallingford, 1976), è la più famosa giallista al mondo e una delle più prolifiche scrittrici di ogni tempo: ha al suo attivo circa ottanta opere, tradotte in più di cento lingue e vendute in oltre due miliardi di copie. Oltre ai gialli e alle opere teatrali, ha scritto sei romanzi d’amore, un’autobiografia e un libro di viaggio. Nel 1971 ha ricevuto il più alto riconoscimento britannico, divenendo Dama dell’Impero.

«

»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Segui @lalettricecontrocorrente