RECENSIONE: Hercule Poirot indaga (Agatha Christie)

RECENSIONE: Hercule Poirot indaga (Agatha Christie)Valutazione: three-half-stars

Hercule Poirot indaga di Agatha Christie
Traduttore: Lydia Lax
Pubblicato da: Mondadori il 2019
Genere: Fiction, Mystery & Detective, General
Pagine: 204
ISBN: 9788804704645Acquista il libro

La trama

Pochi personaggi, nella letteratura poliziesca, possono vantare una carriera lunga e fortunata come quella di Hercule Poirot. Nato nel 1920 e scomparso nel 1975, un anno prima della sua autrice, Poirot è uno dei personaggi più amati dai lettori di tutto il mondo. Piccolo, grassottello, con baffetti arricciati sulle punte e la testa "a forma d'uovo", ha partecipato a numerose indagini considerate pietre miliari del giallo. Nelle undici storie di questa raccolta il detective risolve brillantemente casi difficili e complicati grazie alla sua proverbiale capacità investigativa.

 – Frizzante – 

Hercule Poirot indaga di Agatha Chistie (Mondadori) è una raccolta di racconti con protagonista lo strambo investigatore belga. Continua la mia challenge dedicata alla regina del giallo (Per saperne di più cliccate QUI), la tappa di maggio era dedicata ai racconti e io ho scelto questo libro.

I racconti sono brevi e sono undici. In tutti Poirot è accompagnato dal fedele capitano Hastings e io mi sono calata perfettamente nella parte. Specialmente quando non capivo nulla, esattamente come il socio di Poirot. Irritante, buffo e pieno di sé. Si presenta così il celebre investigatore. Ogni volta riesce a portarci alla risoluzione del caso e quindi gli perdoniamo tutto, anche la feroce ironia.

Che si tratti di gioielli, omicidi o la ricerca di un testamento, l’approccio per il nostro protagonista è sempre lo stesso. Ne Il rapimento del primo ministro, Poirot chiarisce perfettamente il suo modus operandi. Il caso è delicato, il premier è stato rapito e l’incertezza regna sovrana, ma la calma del belga porterà alla risoluzione del mistero.

«Non è così che il buon investigatore dovrebbe comportarsi, vero? Intuisco i vostri pensieri. Deve essere pieno di energia, deve correre di qua e di là, deve prostrarsi sulla strada polverosa e cercare con la lente d’ingrandimento le tracce di ruote. Deve raccogliere i mozziconi di sigaretta, i fiammiferi buttati per terra. Questa è la vostra idea, vero?».
I suoi occhi ci sfidavano. « Ma io, Hercule Poirot, vi dico che non è così. I veri indizi sono qui…dentro!» e si battè un dito sulla fronte. «Vedete, non avrei avuto bisogno di lasciare Londra, mi sarebbe passato a restarmene seduto tranquillamente in casa mia. Quello che importa sono le piccole cellule grigie qua dentro. Fanno la loro parte in segreto in silenzio e poi io chiedo all’improvviso una mappa, metto un dito su un punto e dico: “Il Primo Ministro è lì” e così è. Con me te lo può fare qualunque cosa! (…)

Hercule Poirot indaga - Agatha Christie - MondadoriPoirot è una macchietta, è un dandy. Ossessionato dalla pulizia e dalla precisione è il classico personaggio che o si ama o si odia… io lo amo tantissimo. Specialmente in La maledizione della tomba egizia, me lo immagino con i classici vestiti londinesi in mezzo al deserto che combatte contro polvere e sporcizia. Sono forse le pagine che ho amato di più: superstizione e reale si mescolano. Una serie di morti sospette dopo il ritrovamento di una tomba egizia sconvolge i personaggi, tutti ma non Poirot. Lui ha sempre una risposta.

Le avventure sono tutte diverse tra loro in Hercule Poirot indaga. In Un furto da un milione di dollari in obbligazioni i due soci devono dimostrare l’innocenza di Philip Ridgeway e cerchiamo di capire perché abbiano forzato una cassetta pur avendo la preziosa chiave. Anche in questo caso il nostro capitano rimane interdetto durante le indagini e ci strappa un sorriso:

«Santo cielo, Poirot, sapete una cosa? Sarei pronto a sborsare una bella cifra per vedervi fare una cattiva figura una volta tanto. Siete così maledettamente presuntuoso!»
«Non vi arrabbiate, Hastings, in verità ho osservato che ci sono delle volte in cui quasi mi detestate! Ahimé, pago lo scotto della genialità.»
L’ometto gonfiò il torace e sospirò tanto comicamente che fui costretto a ridere.

E ancora in Il caso della Stella d’Occidente ci occupiamo di una famosa attrice e di alcune lettere misteriose. Ne La tragedia di Marsdon Manor ci ritroviamo di fronte alla morte di un ricco anziano apparentemente inspiegabile.
In Un appartamento a buon mercato Hastings involontariamente fa partire le indagini di Poirot: possibile affittare un così bell’appartamento spendendo così poco? Dov’è il trucco?

Ne Il mistero di Hunter’s Lodge Hastings ha la possibilità di condurre le indagini da solo perché Poirot è malato ma… i telegrammi di Poirot ci annunceranno la soluzione del caso di omicidio: l’investigatore Jap deve arrestare uno dei personaggi mentre protagonisti e lettori brancolano ancora nel buio.

Il caso del testamento mancante entra di diritto nei miei racconti preferiti. Poirot viene incaricato di ritrovare i moduli di un testamento: lo zio della cliente ne ha redatti due e uno, quello in cui non la esclude l’ha nascosto. Ha un anno di tempo per trovarlo. Ce la faranno?

Vendette  e misteri ne La disavventura di un nobile italiano,  ne  La sparizione del signor Davenheim, Poirot scommette che risolverà il caso senza uscire dal suo appartamento. Ne  Il furto di gioielli al Grand Metropolitan il nostro protagonista disegnerà uno schizzo sulle nostre pagine per guidarci verso la soluzione… io però sono sempre fuori strada.

Hercule Poirot indaga è…

Un libro frizzante. E’ vero, sono presenti degli omicidi ma la coppia Poirot – Hastings, tra battibecchi e indizi rende gradevole e divertente ogni racconto. Christie usa pochi elementi e riesce a mettere insieme misteri e conclusioni credibili. Ho apprezzato molto questa raccolta. Non l’ho amata come Appuntamento con la paura (QUI trovate la mia recensione)  ma non sono neanche rimasta delusa, anzi. La Christie dei racconti forse… mi piace ancora di più!

Consigliato per chi ha voglia di evadere anche solo per qualche minuto, per chi ama i gialli, le storie coinvolgenti anche se brevi. E consigliato per chi, come me, ama Poirot. Anche a dispetto dei suoi enormi, insopportabili difetti.

three-half-stars

Alcune note su Agatha Christie

Agatha Christie, pseudonimo di Agatha Miller (Torquay, 1890 – Wallingford, 1976), è la più famosa giallista al mondo e una delle più prolifiche scrittrici di ogni tempo: ha al suo attivo circa ottanta opere, tradotte in più di cento lingue e vendute in oltre due miliardi di copie. Oltre ai gialli e alle opere teatrali, ha scritto sei romanzi d’amore, un’autobiografia e un libro di viaggio. Nel 1971 ha ricevuto il più alto riconoscimento britannico, divenendo Dama dell’Impero.

Rispondi