Cerca...
TOP

RECENSIONE: Poirot e la salma (Agatha Christie)

Poirot e la salma - Agatha Christie - Mondadori
RECENSIONE: Poirot e la salma (Agatha Christie)

Poirot e la salma

Valutazione:
three-half-stars
Autore:
Traduttore:
Pubblicato da:
Data uscita:
07/10/2010

Pagine:
252
Genere:
ISBN:
9788852015014
ASIN:
B005SZ483M
Acquista:

La trama

Cosa ci può essere di meglio di un rilassante week end in campagna, in compagnia di amici e parenti? Anche il dottor Christow, un medico totalmente assorbito dal suo lavoro, sente il fascino della natura e tutte le volte che può trascina la riluttante moglie Gerda a passare qualche giorno nella casa degli Angkatell, dove l'anziana e affascinante Lady Lucy domina sulla sua corte di invitati. L'amicizia e le buone maniere non nascondono per&ò l'ostilità tra i vari ospiti. Quale rapporto c'è, per esempio, tra l'egocentrico Christow e la scultrice Henrietta? E cosa vuole trovare, con la scusa di cercare fiammiferi, la famosa diva Veronica Cray? In fondo tutti hanno qualcosa da nascondere, qualche segreto inconfessabile. Il delitto è insomma dietro l'angolo, e puntualmente avviene. Per fortuna tra i presenti c'è anche Poirot che, a dispetto di tutti i depistaggi, riesce a risolvere lo strano caso. Pubblicato nel 1946, Poirot e la salma è considerato uno dei capolavori della Christie, per la singolarità della situazione e per la verità psicologica dei personaggi.

 – Senza tempo –

Poirot e la salma di Agatha Christie (Mondadori) è uno dei libri che ho letto più spesso da ragazzina, per cui per la tappa di Marzo della Read Chrsitie 2020 non ho avuto dubbi! Bisognava infatti scegliere un’opera adattata per il teatro.

Poirot e la salma - Agatha Christie - MondadoriCi troviamo in un tempo imprecisato. Siamo nella campagna inglese e anche in questa storia i personaggi sono tanti e ricchi di sfumature. L’anziana Lady Lucy Angkatell ha deciso di organizzare un weekend rilassante tra amici e parenti… peccato che non tra tutti gli invitati corra buon sangue.

Facciamo la conoscenza del freddo dottor Christow e della stupida moglie Gerda che non sembra nemmeno in grado di poter guidare la macchina. Insieme a loro il mio personaggio preferito: Henrietta Savernake, celebre scultrice. Di Henrietta amo tutto, il temperamento, la durezza nel giudicare il proprio lavoro, l’amore per la sua arte. Ma non finisce qui, in casa ci sono anche i cugini  Edward,  David e Midge. Accanto a loro anche la famosissima attrice Veronica e il nostro celebre investigatore belga: Poirot che anche questa volta si troverà di fronte all’ennesimo caso di omicidio. All’inizio crede di dover assistere  a una grottesca messinscena ma il sangue e il corpo senza di vita di un uomo sono reali:

Poirot non rispose subito; dopo un po’ dichiarò: “Fin dal principio ho pensato che questo delitto fosse o così semplice da non crederci (la semplicità, mademoiselle, non può essere sconcertante) o molto complesso. Abbiamo a che fare con una mente capace di invenzioni ingegnose, cosicché ogni volta che ci sembra di essere sul punto di scoprire la verità, siamo condotti su una falsa traccia che ci porta a un punto morto. Questo susseguirsi di inizi che non conducono a niente di concreto non è naturale, ma volutamente creato. È una mente molto sottile quella che ci tiene in scacco così.”

In Poirot e la salma tutti i personaggi sono complessi e tutti hanno un motivo per uccidere:

Socchiuse gli occhi e provò a passare in rassegna, per l’ennesima volta, tutti i personaggi del dramma. Sir Henry, integro e retto, funzionario governativo. Lady Angkatell, misteriosa, stravagante, capace di affascinare, se voleva, e di suggestionare con la propria fertile immaginazione; Henrietta Savernake, che aveva amato John Christow più di se stessa. Il gentile e scialbo Edward Angkatell. Midge Hardcastle, quella ragazza bruna, dall’aspetto pratico. La faccia confusa e sbalordita di Gerda Christow, col revolver in mano. L’impassibilità di David Angkatell.

Ognuno di loro aveva dei motivi per poter essere sospettato.

Poirot e la salma - Agatha Christie - MondadoriPer scoprire chi ha davvero ucciso John, quell’uomo così indisponente e al tempo stesso così pieno di vita, bisognerà mettere in moto tutte le celluline grigie. Ho indovinato il colpevole? Certo, questa deve essere la quinta o sesta volta di rilettura di Poirot e la salma.

La Christie in questo libro ci mostra la psicologia dei personaggi ben prima che il delitto avvenga e quindi possiamo giudicarli senza pregiudizi.

La vittima è il personaggio che ho odiato di più, non mi piacevano né i suoi modi né se le sue parole e… non posso, vi ho già svelato troppo.

Poirot e la salma è…

Un libro senza tempo. Oggi questo omicidio potrebbe essere risolto in un paio di ore ma non è solo la ricerca della verità ad appassionarci. Siamo profondamente curiosi di conoscere le evoluzioni tra i personaggi e quasi ci dimentichiamo del caso.

In questa edizione tra l’altro, Mondadori 2000, è presente una prefazione e una postfazione di  Julian Symons, entrambe molto interessanti. All’inzio è addirittura riportata la mappa dei personaggi per aiutare durante la lettura.

Consigliato per gli amanti dei gialli e delle storie intramontabili, leggere Agatha Christie è sempre una buona idea. Specialmente in questi lunghi giorni di quarantena è piacevole passare un paio d’ore in un’altra dimensione.

three-half-stars

Alcune note su Agatha Christie

Agatha Christie, pseudonimo di Agatha Miller (Torquay, 1890 – Wallingford, 1976), è la più famosa giallista al mondo e una delle più prolifiche scrittrici di ogni tempo: ha al suo attivo circa ottanta opere, tradotte in più di cento lingue e vendute in oltre due miliardi di copie. Oltre ai gialli e alle opere teatrali, ha scritto sei romanzi d’amore, un’autobiografia e un libro di viaggio. Nel 1971 ha ricevuto il più alto riconoscimento britannico, divenendo Dama dell’Impero.

«

»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Segui @lalettricecontrocorrente