Consigli Fazi editore

Da ieri, 5 settembre, fino al 5 ottobre, tutti i libri del catalogo Fazi Editore saranno in promozione, sconto del 25%. La notizia è bellissima, non per me che ho deciso di non comprare più libri fino al Book Pirde di Genova, ma questa è un’altra storia. Oggi voglio consigliarvi dieci Fazi che ho amato, tutti per motivi diversi. Alcuni sicuramente li conoscete, altri magari no! Vi ricordo anche che la promozione sarà valida anche per quanto riguarda i nuovi titoli (quindi chi vorrà terminare la trilogia de La famiglia Aubrey, potrà farlo  spendendo decisamente meno!)

Stoner

stoner

Sarà banale, ripetitivo ma… Stoner di John Williams è un romanzo che non può mancare nella propria libreria. La storia straordinaria di un uomo ordinario. Tutti siamo stati o siamo Stoner, tutte le nostre vite meriterebbero di essere raccontate così (QUI la mia recensione).

I Cazalet

cazalet

Ho cominciato la saga della famiglia Cazalet di Elizabeth Jane Howard quando ancora il blog era un sogno nel cassetto. Ho atteso con ansia le uscite dei volumi e mi sono innamorata, specialmente di Clary. All’inizio si fa un po’ di fatica nel memorizzare i nomi ma l’autrice è bravissima: ogni personaggio ha delle caratteristiche troppo ben delineate per non ricordarlo (QUI la trama con estratto).

Otto mesi a Ghazzah Strett

Otto mesi a Ghazzah street (Hilary Mantel)

Primo libro di Hilary Mantel che ho letto (e per ora anche l’unico).  Il Literary Review ha definito questo romanzo: “Un incubo orwelliano sbalorditivo”, non è un libro pieno di banalità anzi, suscita costantemente riflessioni sulle differenze e Frances è una donna lontana dai cliché (QUI la mia recensione).

 

Turbine

Turbine di Juli Zeh - Fazi editore

Turbine di Juli Zeh è un libro che mi ha spiazzato. Ricordo che quando accettai di leggerlo in anteprima ero felicissima. Durante la lettura però ho cominciato ad avere dei dubbi, non riuscivo a capire dove saremmo finiti con questa storia, poi l’ho amata proprio perché imprevedibile, di più non vi dico (QUI la mia recensione).

La figlia femmina

La figlia femmina di Anna Giurickovic Dato

La figlia femmina di Anna G. Dato è una storia difficile da raccontare. Parliamo di una bambina che ha subito abusi, di una vittima che veste i panni di carnefice. E’ un libro che turba ma che non si dimentica (QUI la mia recensione).

Figlie di una nuova era

Figlie di una nuova era - Carmen Korn - Fazi Editore

So che avete visto Figlie di una nuova era di Carmen Korn ovunque ma in effetti è una trilogia (per ora sono usciti solo i primi due volumi) appassionante. Protagonista la Germania durante e dopo la Seconda Guerra Mondiale e soprattutto, protagonista una grande amicizia (QUI la mia recensione).

Madonna col cappotto di pelliccia

Madonna col cappotto di pelliccia - Sabahattin Ali - Fazi editore

Madonna col cappotto di pelliccia di Sabahattin Ali  è un libro dai toni delicati, malinconici, sussurrati. Eppure la storia arriva dritta al punto. Il nostro protagonista è un infelice con una vita qualunque ma che ha vissuto un’esperienza straordinaria, quella dell’amore (QUI la mia recensione).

La corsa di Billy

la corsa di billy

Per La corsa di Billy di Patricia Nell Warren dovete preparare i fazzoletti. La storia è quella di un amore tra un coach e un allievo. Due uomini che si amano, si trasformano e rischiano di perdersi per colpa di chi ottusamente giudica il loro amore (QUI la mia recensione).

Il mio nemico mortale

C - Willa Cather - Il mio nemico mortale
CATHER, Willa

Non mi stancherò mai di riperterlo,Il mio nemico mortale di Willa Cather è un libro breve tanto quanto intenso. Ci vogliono un paio di ore per leggerlo, non basta una vita per dimenticarlo (QUI la mia recensione).

La famiglia Aubrey

La famiglia Aubrey - Rebecca West - Fazi editore

Avete amato la saga dei Cazalet e avete voglia di buttarvi in un’altra storia familiare? Ecco, dimenticatevi della Howard, immediatamente. Perché La famiglia Aubrey di Rebecca West è completamente diversa. Gli avvenimenti sono pochi, i personaggi anche e il ritmo decisamente lento ma, il secondo volume mi ha rubato il cuore (QUI la mia recensione).

 

Rispondi