Cerca...
TOP

RECENSIONE: Tutti i nostri corpi (Georgi Gospodinov)

Tutti i nostri corpi - Georgi Gospodinov - Voland
RECENSIONE: Tutti i nostri corpi (Georgi Gospodinov)

Tutti i nostri corpi

Valutazione:
four-stars
Autore:
Pubblicato da:
Data uscita:
14/05/2020

Pagine:
160
Genere:
ISBN:
8862434030
ASIN:
B08917Q1ZG
Acquista:

La trama

Centotre racconti brevi o brevissimi, divertenti e assurdi. Storie assai diverse tra loro, riflessioni ironiche, grottesche, malinconiche, cronache di vita composte da Georgi Gospodinov nel corso degli anni, dove la nostalgia per il passato si intreccia alla curiosità per il futuro: un esperimento di ascetismo verbale per mettere ordine nel mondo e rallentare il tempo.

 – Poesia –

Tutti i nostri corpi Storie superbrevi di Georgi Gospodinov è una raccolta di racconti folgorante, ricchissima di sfumature, dall’ironia alla malinconia. Mi sono innamorata di Gospodinov leggendo E tutto divenne luna (LEGGI QUI la mia recensione) ma qui l’ho riscoperto sotto un’altra luce. Chi pensa che i racconti siano un genere minore, leggendo questa raccolta dovrà ricredersi.

Tutti i nostri corpi - Georgi Gospodinov - VolandPossibile dire così tanto scrivendo così poco? Leggendo Tutti i nostri corpi, la risposta non può che essere: sì. Una manciata di frasi e altrettanti non detti per comunicare uno stato d’animo, un modo di vivere, di essere.

Ho immaginato questo omone, intento a scrivere dietro ai biglietti del treno. Un’immagine insolita, specialmente se pensiamo che quelle scritte lapidarie sono diventate davvero materiale per un libro.

In Tutti i corpi detto e non detto giocano e si mescolano. Ne esce un esperimento brillante in cui le righe vuote hanno quasi lo stesso peso di quelle scritte.

Fin dalle prima pagine Gospodinov ci conquista con Autobiografie scelte raccontando la nostra vita di lettori, appassionati, voraci, calmi, appagati o frustrati, poco importa perché parla di tutti noi:

Mi rendo conto, probabilmente come tanti prima di me, che tra i miei ricordi personali ce ne sono molti scaturiti dai libri.
La lettura produce ricordi.
Da tempo non ricordo e mi rifiuto di indagare su quali provengano dalla lettura e quali no. Non percepisco nessuna differenza, tutto è stato vissuto, tutto mi fa venire la pelle d’oca, tutto ha lasciato una cicatrice.
In tutti i miei corpi…

E proprio quando crediamo che Tutti i nostri corpi abbia trovato un registro, un filo conduttore, Gospodinov si diverte a rimescolare le carte (o i biglietti scarabocchiati) e ci strappa un sorriso oppure ci ferisce con sentenze a bruciapelo come in Preterintenzionale:

Ovvio che ogni nascita è un omicidio con la data differita nel tempo. Il grilletto è premuto, una pallottola silenziosa vola verso di te e un giorno ti raggiungerà. I sospettati dell’omicidio ti prendono in braccio e sono felici e tu ti dimeni e piangi. Mamma, papà, siete stati voi…

I racconti si divorano: una manciata di minuti e puoi trovarti quasi a metà libro,. Ed è proprio quello di cui avevo bisogno in quei giorni. Questo regalo, mandato da Voland, è arrivato quando mi sentivo bloccata. Avevo cominciato tre, quattro libri, ma nessuno era riuscito a mantenere viva la mia attenzione. Gospodinov sì e non perché ci volesse poco a leggere le sue storie ma perché tutti quei racconti avevano qualcosa da dirmi. Sono tornata su tutti, tutti sono stati letti almeno due volte perché sentivo l’esigenza di andare oltre alle parole incontrate.

Ironia, quella vera che fa riflettere, Storia e poesia sono gli ingredienti principali della raccolta:

X.X. visse per 90 anni, per lo più tranquillo e in modo regolare, senza particolari complicazioni. In tutti questi anni fu felice solo tre volte. Di due non se ne accorse mai

Tutti i nostri corpi - Georgi Gospodinov - VolandPresenti i riferimenti ai social network e ai mezzi di comunicazione: sorridiamo  nel racconto di Pascal ma sotto sotto sappiamo che dietro c’è amarezza; ci godiamo di più il viaggio in Spam e pensiamo che sotto sotto i contenuti di quella cartella corrispondono al mondo delle fiabe per adulti.

I lettori compulsivi si troveranno confortati da L’Angelo dei libri non letti e riflettiamo sulla Storia della Bulgaria passeggiando nel cimitero più famoso di Parigi.

Insomma, non provate a classificare Tutti i nostri corpi perché è come una folata di vento che scompiglia capelli e pensieri. Ognuno interpreterà i racconti a modo suo, qualcuno rimarrà folgorato, altri contrariati, ma nessuno rimarrà senza un’opinione.

Tutti i nostri corpi è…

Poesia. Gospodinov pubblica frammenti che non hanno nulla da invidiare ai  grandi romanzi. Le storie sono tutte lì, appena accennate eppure così complete.

Come abbia fatto per me è  un mistero, posso solo dirvi che vale la pena intraprendere un viaggio così particolare. Sembra di trovarsi di fronte a piccoli componimenti accessibili a tutti: dopo averli letti forse non si è più gli stessi.

Consigliato per gli amanti delle opere malinconiche, per chi magari sta attraversando un periodo complicato e vuole estraniarsi, per chi crede che i racconti abbiano qualcosa da dire e per chi non li ama: si ricrederà.

four-stars

Alcune note su Georgi Gospodinov

Georgi Gospodinov

Georgi Gospodinov nato a Jambol nel 1968, è poeta innovativo e raffinato, prosatore e studioso di letteratura, oggi considerato lo scrittore più talentuoso della Bulgaria. Con il suo esordio narrativo, Romanzo naturale (Voland 2007), accolto come una vera rivelazione, ha immediatamente incontrato il favore di critica e pubblico che ne hanno decretato lo straordinario successo, e ha ottenuto il primo premio del concorso Razvitie per il romanzo bulgaro contemporaneo. È tradotto in diciannove lingue.
Di Gospodinov Voland ha pubblicato la raccolta di racconti …e altre storie (2008) e il romanzo Fisica della malinconia (2013), con il quale nel 2014 è stato finalista del Premio Von Rezzori e del Premio Strega Europeo.
Di lui è stato detto: “Definito il Milan Kundera della Bulgaria per i suoi viaggi nel mondo interiore, potrebbe essere accostato anche a Friedrich Dürrenmat per la sua riscrittura del mito del Minotauro, ma a ben vedere Georgi Gospodinov è uno scrittore unico.”

«

»

1 COMMENTO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Segui @lalettricecontrocorrente