Cerca...
TOP

RECENSIONE: Pietro e Paolo (Marcello Fois)

Pietro e Paolo - Marcello Fois - Einaudi
RECENSIONE: Pietro e Paolo (Marcello Fois)

Pietro e Paolo

Valutazione:
two-half-stars
Autore:
Pubblicato da:
Data uscita:
03/09/2019
Pagine:
160
Genere:
ISBN:
9788858431894
ASIN:
B07X5WBFZJ
Acquista:

La trama

«Lí, distesi a terra, rivolti al cielo di una tinta indefinibile, le parti si invertivano: lí Pietro sapeva cose che Paolo ignorava. Quel tempo era stato un immenso vomere che aveva ribaltato il terreno delle loro esistenze».
Prima erano inseparabili: Pietro figlio dei servi, Paolo dei padroni, un'adolescenza trascorsa in comunione con la natura, nel cuore vivo di una Sardegna selvaggia. I giochi, le parole pronunciate per conoscersi o per ferire, poi Lucia, «una giovane acacia selvatica»: sono tante le vie per scoprire chi sei, chi vuoi diventare, qual è la misura esatta del tuo potere. Quando Paolo viene chiamato alle armi, per una promessa che assomiglia a un patto di sangue si arruola anche Pietro, da volontario. Il suo compito è guardare a vista l'amico fragile, sorvegliarlo, proteggerlo. Le disparità nel loro rapporto ora non è piú possibile ignorarle, s'impongono come le regole di grammatica che Paolo un tempo spiegava a Pietro: ci sono dei verbi, gli ausiliari, che permettono a tutti gli altri di spostarsi nello spazio e nel tempo. «Non lasciarmi» chiede Paolo, e Pietro forse lo tradirà o forse rispetterà la promessa, ma da quei giorni di bombe e combattimenti le loro vite, e quelle delle loro famiglie in Sardegna, cambieranno per sempre. Sino a quel mattino di gennaio in cui, ormai uomini fatti, si troveranno di nuovo uno di fronte all'altro. In una resa dei conti dove tradirsi o salvarsi può essere paradossalmente lo stesso gesto.

 – Fiaba –

Pietro e Paolo di Marcello Fois (Einaudi) è un libro che mi ha lasciato l’amaro in bocca. Per questo volume ho anche rotto il fioretto di non acquisto libri, l’ho approcciato con grandi aspettative, ma  qualcosa mi sfugge. Senza tanti giri di parole vi sto dicendo: no, Pietro e Paolo non mi ha convinto perché probabilmente non l’ho capito appieno.

Protagonista l’amicizia tra due ragazzi: uno povero e uno ricco. I due trascorrono insieme l’infanzia come se fossero  fratelli a tutti gli effetti. Ad annullare definitivamente qualunque tipo di percezione, differenza sociale, o personale, ci penserà la guerra. Pietro e Paolo verranno infatti chiamati a combattere nella Prima Guerra Mondiale. Noi seguiamo la loro crescita ( molto rapida perché i capitoli sono brevissimi ) e aspettiamo.  Ho atteso per tutto il libro che succedesse qualcosa… qualcosa che potesse farmi dire: “Sì, amo questi personaggi”, ma non è successo.

Pietro e Paolo - Marcello Fois - EinaudiL’inizio mi ha conquistato perché amo le descrizioni, le sensazioni: correvo anche io su quel sentiero, il freddo mi pungeva le guance, velocità mi toglieva il fiato, anche  a me  la crudeltà della scena, vista con gli occhi di bambina, mi ha fatto morire le parole in gola.

Ma torniamo alla guerra. Pietro e Paolo, in partenza dalla Sardegna,  non potranno mai separarsi al fronte. Questa promessa la strappa Il papà di Paolo  al povero Pietro. A qualunque costo dovranno stare insieme, solo così potranno tornare a casa sani e salvi.

Poche pagine per descrivere  la crescita e accettare la  perdita dell’innocenza.

(…) Si disse che tutto ciò in cui aveva creduto fermamente si era sgretolato senza pietà. Come se diventare adulti fosse  nient’altro che prepararsi a distruggere, con un soffio, il castello di carte che abbiamo costruito da bambini. Avrebbe potuto essere una di quelle rivelazioni che ribaltano il mondo, ma a Paolo Mannoni sembrò solo il modo più crudele di riconoscere una sconfitta.

Il racconto si alterna tra presente e passato, facendoci intuire il futuro, lasciandoci in testa tantissime domande:

Aveva scoperto negli anni della latitanza con quanta semplicità si possa sparire dallo sguardo altrui. Aveva capito quanto conti la certezza del passo, la franchezza dello sguardo, per riuscire a essere completamente invisibili. L’umanità apprezza le eccezioni, si ricorda di quelle, ama le storie di chi le abita. E allora bisogna imparare a discostarsi dall’eccezione, portarsi in giro come se non si avesse assolutamente niente da temere, con lo sguardo schietto del giusto e il passo deciso, ma mai frettoloso, di chi non deve sfuggire a nessun inseguitore.

Pietro e Paolo è…

Il mio articolo è molto breve, specialmente rispetto agli altri ma non mi sono sentita di dilungarmi su un libro che temo di non aver compreso fino in fondo. Ed è qui che vi faccio un appello: l’avete letto e vi è piaciuto? Raccontatemi qui sotto il perché è io non escludo in futuro di riaprire questo libro!

Mi è piaciuta l’idea di amicizia, di una promessa da mantenere a qualunque costo, la dimostrazione della crudeltà della guerra, la fine dell’infanzia e perché no, l’amore per la propria terra. Quello che mi è mancato? Avrei voluto soffermarmi di più nelle varie fasi della vita dei protagonisti, conoscere realmente la vita in Guerra e invece il romanzo è arrivato alla fine in poche ore. Un vero peccato perché non ho fatto in tempo ad affezionarmi ai personaggi.

Consigliato per chi vuole cimentarsi in un romanzo breve, che parla di amicizia e amore.  L’ultima fatica di Fois è delicata e racconta la storia di Pietro e Paolo come se fosse una favola, con o senza lieto fine lo scoprirete soltanto leggendo l’ultima pagina.

Sono tante le frasi che avrei sottolineato, belle, profonde e con quel pizzico di malinconia che commuove. Eppure  tra me e Fois non è scattata la scintilla e io sono rimasta fredda, distante dalla lettura.

 

 

two-half-stars

Alcune note su Marcello Fois

Marcello Fois (Nuoro 1960) vive e lavora a Bologna. Tra i tanti suoi libri ricordiamo Picta (premio Calvino 1992), Ferro Recente, Meglio morti, Dura madre, Piccole storie nere, Sheol, Memoria del vuoto (premio Super Grinzane Cavour, Volponi e Alassio 2007), Stirpe (premio Città di Vigevano e premio Frontino Montefeltro 2010), Nel tempo di mezzo (finalista al premio Campiello e al premio Strega 2012), L’importanza dei luoghi comuni (2013), Luce perfetta (premio Asti d’Appello 2016), Manuale di lettura creativa (2016), Quasi Grazia (2016), Del dirsi addio (2017 e 2018), il libro in versi L’infinito non finire (2018) e Pietro e Paolo (2019).

«

»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Segui @lalettricecontrocorrente