Cerca...
TOP

A TU PER TU con Chiara Ferraris (L’impromissa)

Lettrice controcorrente incontro con Chiara Ferraris - Presentazione de L'impromissa

Nella splendida cornice di Libri in Baia, a Sestri Levante, ho avuto il piacere di chiacchierare con Chiara Ferraris, autrice de L’impromissa (Sperling & Kupfer).

Lettrice controcorrente incontro con Chiara Ferraris - Presentazione de L'impromissaLe protagoniste sono due donne vissute in periodi storici diversi ma eternamente legate, L’impromissa è ambientato tra Genova e la Val Polcevera. Subito facciamo la conoscenza di Agata, non sta vivendo un periodo facile: oltre alla perdita della madre deve affrontare il momento difficile che sta vivendo il suo matrimonio. L’unione con Enrico è fatta ormai di assenza, di bigliettini lasciati sul tavolo, di porte chiuse e letti separati. Ma Agata non è ancora pronta ad affrontare una discussione, tanto meno a prendere una decisione. Non sa che la sua vita, e la sua relazione, subiranno una svolta a causa della zia Alli, vissuta ottant’anni prima.

Il loro incontro avverrà in un momento di estremo dolore: Agata sta svuotando la casa della mamma quando a un certo punto ritrova la preziosa scatola di latta piena di fotografie e di… misteri. Sarà una lettera di Madre Virginia a destare la sua attenzione e a dar vita a un’indagine storica, sentimentale e intrigante. Così Agata ritrova i quaderni della zia Alli:

Aveva tra le mani non solo un quaderno, ma una finestra aperta su una vita passata. Le sembrò, per un attimo, di sentir scattare la serratura che aveva immaginato pochi minuti prima, aprendo un possibile varco sulle storie della sua famiglia.

Lettrice controcorrente incontro con Chiara Ferraris - Presentazione de L'impromissaAlice è una ragazzina di quindici anni che rimasta orfana viene “abbandonata” al Mater Coeli. Non è facile la vita in orfanotrofio per lei e impara fin da subito a fare la dura, lavorare sodo e parlare poco. La vita è stata dura con lei, la felicità è un sogno che forse non val nemmeno la pena inseguire ma… Madre Virginia con la sua dolcezza e i suoi consigli farà breccia nel cuore di Alice.

Ne L’impromissa sono tanti i personaggi che si alternano e si mescolano tra passato e presente: le più definite, le più profonde sono donne: Rosetta Lantieri è il personaggio chiave nella vita di Alice, è lei che, in cerca di un maschio da adottare alla fattoria, andrà al Mater Coeli a prendersi quella “selvaggia ragazza” che sgobberà alla fattoria e diventerà la sorella di Pietro.

Rosetta è una donna dura, rimasta vedova deve occuparsi insieme al figlio della fattoria. Le servono due braccia in più ma ad Alice non insegnerà soltanto i lavori manuali, le mostrerà che cos’è l’amore per la propria terra: dura, inospitale, ma nostra:

«Io ho bisogno di questa cosa da te: questa terra è dura, difficile e può sembrare spietata. Arriveranno momenti in cui ti sembrerà di odiarla, quando non ti sfamerà o ti farà sentire il freddo. Ma questa terra va amata,  Alli.  Io ho bisogno che tu la ami per poterla curare e rendere fruttuosa. E se per farlo hai bisogno di sentirti parte di questa famiglia, allora puoi…» stentava a terminare il discorso, come se fosse a disagio… «Allora puoi chiamarmi mamma. Anzi, forse dovresti proprio farlo: che tu lo voglia o no, per i prossimi sette anni sei obbligata a stare qui».

Lettrice controcorrente incontro con Chiara Ferraris - Presentazione de L'impromissaE proprio la terra, la campagna è un’altra grande protagonista nel libro, una campagna che Chiara Ferraris vive, ama. Dalle estati in Val d’Aveto alla casa di ora in Val Polcevera i paesaggi descritti sono quelli della propria casa: le colline morbide e il luccichio del mare in lontananza.

Non ci sono solo donne importanti nel libro, ma anche uomini. Pietro e Alice hanno un legame speciale. Pietro è un personaggio burbero, spesso non riusciamo a capire cosa prova perché vive in costante conflitto: cuore e testa raramente sono d’accordo. E poi ci sarà anche Riccardo, il personaggio apparentemente più in sordina, ma che nel finale ci stupirà per complessità e bontà. Apparentemente sempre allegro, scherzoso e forse anche un po’ oscurato da Pietro e Alice, si affaccerà sulla scena sempre con delicatezza.

Lettrice controcorrente incontro con Chiara Ferraris - Presentazione de L'impromissaMa torniamo alla storia: Rosetta e Pietro erediteranno la tipografia Lantieri, quella dove lavora tutt’ora Agata, e così il nucleo familiare dovrà spezzarsi: Rosetta e Alice resteranno in campagna, Pietro affronterà i cambiamenti della città.

Sullo sfondo, insieme ad altri personaggi che a mano a mano si conquisteranno sempre più spazio come Lisa, Don Gianni, c’è anche l’ascesa del Fascismo. I primi soprusi, la battaglia del grano, e poi lo scoppio della Guerra. Fame, povertà e fatica accompagneranno Alice ogni giorno della vita e insegneranno ad Agata cos’è la tenacia.

Agata,  che nel frattempo ha sentito il bisogno di rifugiarsi nell’abbraccio della famiglia ed è tornata in quella fattoria piena di amore e tormento, riuscirà a guardare con occhi diversi zia Diletta, zio Nino e tutti i membri che hanno fatto parte della famiglia. Persino quelle foto appese da decenni alle pareti si animeranno sotto gli occhi di Agata.

Durante la chiacchierata con Chiara Ferraris abbiamo sfiorato i personaggi, presentandoli con tutte le loro peculiarità, abbiamo parlato dell’amore per la propria terra, della durezza vissuta sulle spalle di chi ha dovuto portare avanti una famiglia senza accanto mariti e figli, impegnati nelle battaglie chi contro i fascisti, chi in Guerra. Abbiamo parlato di sogni, di speranze  e sopratutto dell’importanza della memoria. Duplice: ricordare la famiglia, le fatiche, le gioie e i dolori di chi è vissuto prima di noi e l’importanza di non dimenticare l’orrore della dittatura e della Guerra.

Lettrice controcorrente incontro con Chiara Ferraris - Presentazione de L'impromissaFerraris fa entrare la Storia nella quotidianità dei personaggi che perdono un pezzo alla volta  la spensieratezza: la messa diventa un momento di tensione, il falò non si svolge e così via.

Alice non diventerà una staffetta partigiana, non lotterà attivamente per la Libertà: Alice è una di quelle donne che reggerà sulle spalle il peso del lavoro e della famiglia. Con una parola, come ci ha tenuto a sottolineare Ferraris, Alice è resistenza, nonostante tutto e nonostante tutti. E’ questo l’insegnamento più grande che lascia ad Agata.

Che cosa hanno Alice e  Agata di Chiara? L’autrice ha ammesso che di fronte ad alcune situazioni difficili ha la stessa voglia di scappare di Agata e che vorrebbe tanto avere la forza  e la decisione di Alice, di cui ha la sensibilità e l’abbandono alle emozioni.

Ora Chiara Ferraris scrive ogni volta che può perché non può più farne a meno. Ma a sei mesi dall’uscita de L’impromissa (parola genovese antica),  per ora è troppo presto per parlare di nuovi romanzi.

A TU PER TU con Chiara Ferraris (L’impromissa)

L'impromissa

Autore:
Pubblicato da:
Data uscita:
02/04/2019
Pagine:
392
ISBN:
8820066807
ASIN:
B07Q2JY2BC
Acquista:

La trama

Genova. Quando Agata varca la soglia, l'appartamento è silenzioso e tremendamente buio. Sua madre non c'è più, da diversi mesi ormai. Resta soltanto l'odore delle stanze vuote, la polvere sui mobili, insieme all'eco dei ricordi e ai segreti, che ora nessuno può più mantenere, e che i vecchi quaderni dell'amata zia Alice, rimasti a lungo nascosti, sono pronti a rivelare. Quelle pagine custodiscono, infatti, il ritratto di una donna che Agata stenta a riconoscere come la sua zia Alice, e la storia di un grande amore proibito, di cui non ha mai saputo nulla. E sarà proprio il racconto di quella vita segreta a cambiare tutto, anche nel suo presente. Perché c'è un filo unico, un sentiero sepolto che unisce le generazioni di donne della famiglia Lantieri. Agata, ancora una volta lontana da Genova, tra gli scorci rassicuranti delle estati trascorse nella fattoria di famiglia in Valpolcevera, scoprirà non solo la vera storia della propria famiglia, ma imparerà anche che la forza nasce dalle fragilità, il coraggio dal dolore e che il vero amore non conosce lo scorrere del tempo. Soprattutto si renderà conto che quel fazzoletto di terra, tra i due versanti di una collina, sulle alture genovesi, racchiude in sé tutta la loro storia: ogni ritorno è un ritorno lì, ogni partenza è una partenza da lì, ogni perdita, ogni nascita, ogni gioia e ogni dolore sembra compiersi e avere senso soltanto tra quei colori. Oggi più di ieri. Intrecciando luoghi, accadimenti e personaggi, Chiara Ferraris restituisce al lettore al tempo stesso un frammento della grande storia d'Italia e una saga familiare. Tra passato e presente, "L'impromissa" si rivela così una storia d'amore e di appartenenza, dove le protagoniste sono le donne, le loro scelte, la loro forza, il loro sacrificio.

Foto presentazione de L’Impromissa di Chiara Ferraris 

«

»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Segui @lalettricecontrocorrente