Cerca...
TOP

A TU PER TU con Ritanna Armeni (Per strada è la felicità)

Ritanna Armeni

A poco più di un anno con il mio primo incontro con Ritanna Armeni, lunedì 3 maggio, ho potuto incontrarla di nuovo, seppur virtualmente.

Ponte alle Grazie mi ha invitato infatti alla presentazione di Per strada è la felicità, libro che uscirà dopodomani, il 6 maggio, in tutte le librerie e che io ho avuto il privilegio di leggere in anteprima.

Per strada è la felicità

Rosa è una brava ragazza di provincia che arriva a Roma a vent’anni con l’obiettivo di laurearsi e trovare un lavoro. Ma siamo alla vigilia del Sessantotto e il fermento della rivolta abita ovunque: nei viali dell’università, sugli striscioni delle piazze, ai cancelli delle fabbriche. Quando il movimento studentesco esplode tutto cambia, anche Rosa. In quei mesi incandescenti in cui si occupano le facoltà, si scatena la violenza di manganelli e lacrimogeni, si assapora la sferzante allegria della ribellione, Rosa si trasforma in una giovane donna, va a vivere in una comune, prende in mano la sua vita e ne paga pegno. Orientandosi fra amore e amicizie, tra i grandi classici del marxismo e un movimento che vuole cambiare il mondo, incontra un’altra Rosa, Rosa Luxemburg, e con lei intreccia un rapporto serrato con momenti di complicità e di rottura, di immedesimazione e di lontananza. Il vento del nuovo femminismo conduce la «brava ragazza» e le sue compagne in percorsi sconosciuti, rende la loro voce più netta, la lotta più chiara e autonoma. Rosa vive gli anni della ribellione all’ordine maschile e partecipa all’assalto al cielo delle giovani donne che colgono a piene mani l’occasione di diventare sé stesse, di cambiare la loro vita e quella di chi verrà dopo di loro.

L’incontro con Ritanna Armeni

Presenti anche l’ufficio stampa Matteo Columbo e l’editor Cristina Palomba. Armeni ha raccontato la genesi del libro: “L’ho scritto durante il Lockdown – ha raccontato dopo aver ringraziato tutti i presenti per la partecipazione – ma l’idea mi è venuta un paio di anni fa quando ero in vacanza in Grecia. Volevo parlare di Rosa Luxemburg ma non scrivere solo di lei e così è nata Rosa”. Armeni ha sottolineato l’importanza di avere una figura di riferimento: “Voi avete tanti modelli a cui ispirarvi, ai miei tempi non era così. Ho raccontato il rapporto tra una donna giovane e una meno giovane che la prende a riferimento”. E così durante l’ora e mezza trascorsa con l’autrice sono stati toccati moltissimi temi di attualità e non solo. “Non è autobiografico, ma certo ci sono cose che ho vissuto. Tutti gli scrittori comunque mettono qualcosa di sé nel libro”.

Armeni si è dimostrata ottimista riguardo le lotte delle donne: “Quella è l’unica rivoluzione che non è mai tornata indietro. Voi certe battaglie non dovrete affrontarle più: come per esempio il diritto all’aborto. C’è ancora tanto da fare, ma tanto è stato fatto”.

Le domande che ho posto io all’autrice riguardavano proprio l’eventuale collegamento tra Mara e Rosa: entrambe lottano per la libertà dopo aver creduto di sentirsi libere. E Armeni ha confermato il collegamento (con mia grande soddisfazione). La seconda considerazione che abbiamo fatto insieme è quella che riguarda il periodo storico. Sono tantissimi i libri ambientati durante il Fascismo e durante la Seconda Guerra Mondiale, pochissimi quelli in cui lo scenario è il ’68. La risposta di Armeni non si è fatta attendere: “Forse perché tanti di quelli che lottavano contro quel mondo ne fanno parte. Cambiare idea è lecito, anche io ho cambiato idea moltissime volte, ma bisogna farci i conti”.

Sono tantissimi li spunti emersi durante la chiacchierata, forse i più importanti sono quelli che riguardano la risonanza e il passaggio di testimone: leggere della lotta delle donne ci permette di ricordarle, non dimenticarle e di continuare a lottare.

Verso la fine il clima è diventato più leggero e Armeni ha ammesso che probabilmente non scriverà mai un libro su un uomo: “Gli uomini sono troppo prevedibili” ha chiuso scherzando.

A TU PER TU con Ritanna Armeni (Per strada è la felicità)

Per strada è la felicità

Autore:
Pubblicato da:
Data uscita:
06/05/2021

Pagine:
256
Genere:
ISBN:
9788833317175
ASIN:
B092L2N6VK
Acquista:

La trama

Rosa è una brava ragazza di provincia che arriva a Roma a vent’anni con l’obiettivo di laurearsi e trovare un lavoro. Ma siamo alla vigilia del Sessantotto e il fermento della rivolta abita ovunque: nei viali dell’università, sugli striscioni delle piazze, ai cancelli delle fabbriche. Quando il movimento studentesco esplode tutto cambia, anche Rosa. In quei mesi incandescenti in cui si occupano le facoltà, si scatena la violenza di manganelli e lacrimogeni, si assapora la sferzante allegria della ribellione, Rosa si trasforma in una giovane donna, va a vivere in una comune, prende in mano la sua vita e ne paga pegno. Orientandosi fra amore e amicizie, tra i grandi classici del marxismo e un movimento che vuole cambiare il mondo, incontra un’altra Rosa, Rosa Luxemburg, e con lei intreccia un rapporto serrato con momenti di complicità e di rottura, di immedesimazione e di lontananza. Il vento del nuovo femminismo conduce la «brava ragazza» e le sue compagne in percorsi sconosciuti, rende la loro voce più netta, la lotta più chiara e autonoma. Rosa vive gli anni della ribellione all’ordine maschile e partecipa all’assalto al cielo delle giovani donne che colgono a piene mani l’occasione di diventare sé stesse, di cambiare la loro vita e quella di chi verrà dopo di loro.

Alcune note su Ritanna Armeni

ritanna armeni

Ritanna Armeni è giornalista e scrittrice. Ha lavorato a il manifesto, Rinascita, Il Mondo, l’Unità, Liberazione. Portavoce di Fausto Bertinotti, è stata per tre anni conduttrice di Otto e mezzo insieme a Giuliano Ferrara. Ha pubblicato, tra gli altri: Di questo amore non si deve sapere (2015, vincitore del Premio Comisso) e Una donna può tutto (2018), entrambi usciti per Ponte alle Grazie


«

»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Segui @lalettricecontrocorrente