Cinque libri che ho amato da piccola

E’ arrivato il venerdì ed è tornato l’appuntamento con la rubrica ideata da Twins Books Lovers. L’argomento di questa settimana? I cinque libri che ho amato da piccola.

Ho cominciato a leggere da bambina e da allora non ho più smesso. E’ stato difficile scegliere soltanto cinque libri però ce l’ho fatta. Fatemi sapere quali sono i vostri!

Il diario di Anna Frank

diario di anna frank

Ho letto il diario di Anna Frank alle elementari ed è rimasto uno dei miei libri preferiti. Appassionata di storia, avevo una vera e propria ossessione per la Seconda Guerra Mondiale, quel diario scritto da una bambina come ero io all’epoca, mi ha sempre impressionato.

Cuore

cuore

Cuore, l’edizione per ragazzi, l’ho ricevuto per un compleanno. Ricordo ancora il segnalibro, era di Diddl ed è un libro, con illustrazioni, che ho letto e riletto, i capitoli mi hanno fatto compagnia per anni.

 

Rossella

Rossella

Rossella è un libro che mi è stato regalato da mio papà. Quando ha visto che avevo la passione per la lettura un bel giorno, senza un motivo particolare, è arrivato con quello sotto braccio. Oggi è il simbolo dell’infanzia, quella trascorsa al mio paese.

Il bosco dei Lillà

Il bosco dei Lillà è una raccolta di favole. Io lo associo a mia nonna ma in realtà non  ricordo chi me lo regalò. Ogni sera per anni ho letto una di queste fiabe, anche se ormai le sapevo a memoria. Serviva a scacciare la tristezza e a tenere lontana la paura del buio.

Il pentolino magico

Ho vinto il pentolino a un torneo di pallavolo. Un libro stupendo, con i disegni di Luzzati, anche questo lo conoscevo a memoria.

 

11 commenti

  1. Ammetto di non aver mai letto per intero il “Diario”.

    Cinque libri della mia infanzia, in ordine sparso:

    1) Cuore (anche per me);
    2) Storie della storia del mondo, di Laura Orvieto;
    3) Vacanze all’isola dei gabbiani, di Astrid Lindgren;
    4) Le Fiabe di Andersen, con le sontuose illustrazioni di Jiří Trnka;
    5) Ventimila leghe sotto i mari – un libro che mi pareva insormontabile e che fui fierissimo di aver letto 🙂

  2. Buongiorno Alessandra!! Cuore è stato un libro anche della mia infanzia mentre ho letto il Diario di Anna Frank quando ero un po’ più grandicella, ognuno a suo modo, entrambi bei romanzi!!
    Bellissima la copertina de “Il bosco dei lillà” e bello anche il ricordo che hai legato al libro!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *