Cerca...
TOP

Libri dei desideri: le uscite di febbraio 2022

Quali libri usciranno a febbraio? Come di consueto ho fatto una piccola selezione di titoli che vorrei leggere. Lo so, anche se segnalo quattro o massimo cinque libri per volta l’elenco non finirà mai, lo so! La nuova uscita che aspetto con più ansia è quella di Amélie Nothomb.

Primo sangue di Amélie Nothomb

primo sangue di amplie Nothomb Voland edizioni

Primo sangue di Amélie Nothomb (Voland edizioni) uscirà il 24 febbraio. Un racconto in prima persona che rende omaggio a Patrick Nothomb, padre della scrittrice. Console generale in Congo, nell’estate 1964 Patrick Nothomb viene preso in ostaggio dai ribelli rivoluzionari. Condotto davanti al plotone d’esecuzione, il giovane diplomatico, faccia a faccia con la morte, rivive gli anni della sua infanzia. Orfano di padre, allevato dai nonni materni e innamorato di una madre inaccessibile, il ragazzo, ritenuto troppo fragile, viene spedito nella tenuta dei Nothomb, dove vive il nonno paterno. Insieme all’eccentrico barone e a una tribù di selvaggi ragazzini, cugini e zii, Patrick trascorre le vacanze estive e scopre la sua sete di vita. E poi i primi amori, la vita diplomatica, il matrimonio…

Padri di Giorgia Tribuiani

padri di Giorgia Tribuiani Fazi editore

Padri di Giorgia Tribuiani  (Fazi editore) uscirà il 24 febbraio. È un pomeriggio di primavera quando, con lo stesso corpo e la stessa età del giorno della propria morte, Diego Valli risorge. Si risveglia sul pianerottolo di quello che era stato il suo appartamento, tira fuori le chiavi, prova a infilarle nella serratura ma si trova faccia a faccia con il figlio Oscar, lasciato bambino e invecchiato ormai di oltre quarant’anni. Da qui, ha inizio una vicenda di riconciliazioni e distacchi, una storia intensa e sincera sul rapporto tra padri e figli e sulla necessità del perdono. Una volta riconosciuto il padre, Oscar affronta il comprensibile straniamento aggrappandosi alle incombenze della quotidianità, mentre Clara, sua moglie, non crede al miracolo e si oppone all’idea di ospitare in casa uno sconosciuto. A complicare le cose, si aggiunge l’arrivo di Gaia, la figlia della coppia, che torna nella città natale per trascorrere le vacanze. Di nascosto dalla madre, che è spesso via per lavoro, Gaia finalmente ha l’occasione di conoscere suo nonno: un uomo profondo, amante della musica, più simile a lei di quanto sia mai stato suo padre. Oscar, al contrario, scoprirà aspetti di Diego che non pensava gli appartenessero. Dopo “Blu”, Giorgia Tribuiani torna con un romanzo su una storia a tre voci di rabbia e dolore, parole non dette e seconde occasioni. Una riflessione sulla famiglia dalla trama originale in bilico tra realtà e impossibile per un’autrice che sa scavare nell’animo umano per far emergere il rimosso e stimolare la comprensione.

Il confine di Silvia Cossu

Il confine di Silvia Cossu neo edizioni

 

Il confine di Silvia Cossu (Neo edizioni) uscirà il 16 febbraio. Una scrittrice mette al servizio degli altri il proprio talento. Scrive biografie per personaggi caduti in malora che vogliono raccontare la propria esistenza sotto una luce diversa. «È vero che sfrutto la vanità altrui, ma il risultato produce un conforto duraturo: la vanità è il motore morale del nostro tempo, la sua etica privata.» Viene ingaggiata da un uomo al culmine dell’ascesa sociale e professionale, un luminare che ha rivoluzionato il mondo della psichiatria e che, a differenza dei soliti committenti, non le chiede di magnificare la storia della sua vita, quanto di raccontare la verità che l’attraversa. Il Confine è il corpo a corpo di una donna nell’ombra con un uomo di fama internazionale la cui figura, incontro dopo incontro, diventa sempre più inafferrabile; è la discesa in un mondo rarefatto e conturbante in cui le certezze si sgretolano; un disegno dove le identità e le fragilità si sovrappongono, quasi a sostituirsi. “Silvia Cossu punta in alto, con i tempi e i modi di un racconto che, come un piccolo giallo dell’anima, con grande sapienza costruttiva, avvicina ad una più profonda domanda di senso. Quasi un viaggio iniziatico”.

Avremo anche noi dei bei giorni di di Zehra Dogan

Avremo anche noi dei bei giorni di di Zehra Dogan

“Avremo anche noi dei bei giorni”  (Fandango libri) è uscito il 10 febbraio e raccoglie le lettere che Zehra Dogan, giovane giornalista e artista rivoluzionaria, ha spedito, durante i suoi 600 giorni di carcere, a Naz Oke, che a Parigi anima il sito di informazione Kedistan per la libertà di espressione. Durante questi mesi di detenzione, Zehra non smette un solo giorno di creare, sguarnita di ogni tipo di materiale, fabbrica pennelli con le piume di uccelli, come colori, usa tutto ciò che le capita. Dipinge su pagine di giornali, vestiti, lenzuola. Quando non dipinge, parla con le sue compagne di filosofia, storia, politica. Un racconto luminoso, poetico e duro.

Salvamento di Francesca Zupin

Salvamento di Francesca Zupin bollati boringhieri

Salvamento di Francesca Zupin (Bollati Boringhieri) uscirà il 24 febbraio. Giulio è un tredicenne gracile e appassionato di libri quando, in una lunga estate condivisa al campeggio, si innamora di Stella, figlia della nuova compagna del padre vedovo. Stella è diversa da lui: forte, raffinata, ribelle. Negli anni a venire, convivendo nella stessa casa, i due ragazzi passano dall’essere un po’ fratelli a fidanzati, ma non senza sofferenza. La famiglia li osteggia, in particolare il padre di Giulio, irascibile e deluso, che al figlio ha sempre preferito uno dei suoi amici: Bobo, veloce sulle moto e con le parole, che si sente un nuovo Rimbaud. Anche Stella è da sempre attratta da Bobo, ma il loro rapporto – intenso e altalenante – non si è mai trasformato in una vera relazione. Stella, alla perenne ricerca di qualcuno che la salvi da Bobo e da se stessa, pare aver trovato in Giulio il candidato perfetto. Eppure, a un passo dalle nozze, rinuncia alla tranquillità per inseguire l’emozione. Con una scrittura evocativa e insieme precisa, chirurgica, Francesca Zupin sa sorprenderci nel raccontare la verità dei suoi protagonisti, senza mai fare loro sconti, immergendoli in atmosfere sospese tra nostalgia e disincanto. Il tempo, con le sue acrobazie e le sue accelerazioni, i suoi ritorni e i suoi rimpianti, diventa quasi un personaggio aggiuntivo che agisce e interagisce con gli altri: sfidandoli, deludendoli, ingabbiandoli, ma anche creando quegli squarci di luce e bellezza che sono possibili, forse, solo guardandosi indietro.

 


«

»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Segui @lalettricecontrocorrente