Cerca...
TOP

Premio Strega 2020, la carica dei cinquantaquattro libri segnalati

Candidati Premio Strega 2020

In questi giorni difficili per tutti mi sono buttata ancora più a capofitto nel mondo dei libri e sbirciando qua e là ho deciso di riportare i  cinquantaquattro libri segnalati per il Premio Strega 2020.  I finalisti saranno annunciati martedì 9 giugno al termine della prima votazione. La proclamazione del vincitore avverrà invece giovedì 2 luglio 2020. 

Prima di passare in rassegna l’elenco completo, vorrei segnalarvi quelli che ho letto e apprezzato io, e per cui farò sicuramente il tifo! Anche se il mio preferito ce l’ho ed è sicuramente Calce di Raffaele Mozzillo. Quello che mi ha convinto meno? Il Colibrì di Sandro Veronesi.

Febbre

Febbre - Jonathan Bazzi - Fandango Libri

Febbre di Jonathan Bazzi (Fandango libri) è un romanzo autobiografico potente e sicuramente toccante (LEGGI QUI la mia recensione – ACQUISTA QUI il libro).

Giovanissimi

Giovanissimi - Alessio Forgione - NN Editore

Giovanissimi di Alessio Forgione (NNEditore) mi ha sicuramente colpito. Credevo fosse un libro lontano dai miei gusti e invece mi ha sorpreso (LEGGI QUI la mia recensioneACQUISTA QUI il libro).

Calce o delle cose nascoste

Calce o delle cose nascoste - Raffaele Mozzillo - Effequ

Calce o delle cose nascoste di Raffaele Mozzillo (effequ) è il mio preferito tra questi segnalati allo Strega. Mozzillo ha un modo di scrivere che mi risulta familiare, credibile, irresistibile e la storia è oscura e commovente al tempo stesso (LEGGI QUI la mia recensioneACQUISTA QUI il libro).

Risorgere

Risorgere - Paolo Pecere - Chiarelettere

Risorgere di Paolo Pecere (Chiarelettere) è stata per me una scoperta. Non pensavo che mi sarei appassionata alla storia della Cina, di due generazioni… il ritmo incalzante, i segreti, un’ottima lettura  (LEGGI QUI la mia recensioneACQUISTA QUI il libro).

Il Colibrì

Il Colibrì - Sandro Veronesi - La nave di Teseo

Il Colibrì di Sandro Veronesi (La nave di Teseo) è quello che mi ha convinto di meno. Mi aspettavo un coinvolgimento diverso e sono rimasta delusa (LEGGI  QUI la mia recensioneACQUISTA QUI il libro).

I 58 libri segnalati per il Premio Strega 2020

  • Silvia BallestraLa nuova stagione (Bompiani), proposto da Loredana Lipperini;
  • Marta BaroneCittà sommersa (Bompiani), proposto da Enrico Deaglio;
  • Jonathan Bazzi, Febbre (Fandango Libri), proposto da Teresa Ciabatti;
  • Ilaria BernardiniIl ritratto (Mondadori), proposto da Paolo Sorrentino;
  • Gianluigi BruniLuce del Nord (Rubbettino), proposto da Antonio Pascale;
  • Errico BuonannoTeresa sulla Luna (Solferino), proposto da Chiara Gamberale; 
  • Gianrico CarofiglioLa misura del tempo (Einaudi), proposto da Sabino Cassese;
  • Cynthia ColluL’amore altrove (DeA Planeta Libri), proposto da Ferruccio Parazzoli;
  • Pasquale CritoneIl tesoro sacrilego (Armando Editore), proposto da Antonio Augenti;
  • Luciano CurreriVolevo scrivere un’altra cosa (Passigli), proposto da Alessandro Barbero;
  • Lidia Del GaudioIl delitto di via Crispi n. 21 (Fanucci), proposto da Marcello Ciccaglioni;
  • Viola Di GradoFuoco al cielo (La nave di Teseo), presentato da Maria Rosa Cutrufelli;
  • Francesco FalconiGli anni incompiuti (La Corte Editore), proposto da Alessandro Perissinotto;
  • Angelo FerracutiLa metà del cielo (Mondadori), proposto da Paolo Di Stefano;
  • Gian Arturo FerrariRagazzo italiano (Feltrinelli), proposto da Margaret Mazzantini;
  • Alessio ForgioneGiovanissimi (NN Editore), proposto da Lisa Ginzburg;
  • Valerio Gaglione e Fabio IzzoUccidendo il secondo cane (Oblomov Edizioni), proposto da Piero Mastroberardino;
  • Giorgio GhiottiGli occhi vuoti dei santi (Hacca), proposto da Biancamaria Frabotta; 
  • GipiMomenti straordinari con applausi finti (Coconino Press), proposto da Francesco Piccolo;
  • Antonio Gnoli e Francesco MerloGrand Hotel Scalfari (Marsilio), proposto da Pietrangelo Buttafuoco;
  • Laura Imai MessinaQuel che affidiamo al vento (Piemme), proposto da Lia Levi;
  • Claudio LagomarsiniAi sopravvissuti spareremo ancora (Fazi), proposto da Laura Minervini;
  • Francesco LongoMolto mossi gli altri mari (Bollati Boringhieri), proposto da Marco Cassini;
  • Leonardo G. LucconeLa casa mangia le parole (Ponte alle Grazie), proposto da Silvio Perrella;
  • Pierluigi LuisiIl posto dei fichi d’India (Aracne), proposto da Paolo Ferruzzi;
  • Giuseppe LupoBreve storia del mio silenzio (Marsilio), proposto da Salvatore Silvano Nigro;
  • Giuseppe ManfridiAnya. La segretaria di Dostoevskij (La Lepre Edizioni), proposto da Claudio Strinati;
  • Francesco MarinoLo chef consiglia amore (Cairo), proposto da Lina Wertmüller;
  • Daniele MencarelliTutto chiede salvezza (Mondadori), proposto da Maria Pia Ammirati;
  • Sebastiano MondadoriIl contrario di padre (Manni), proposto da Giovanni Pacchiano;
  • Raffaele Mozzillo, Calce. O delle cose nascoste (Effequ), proposto da Filippo La Porta;
  • Margherita NaniL’ospite – Le anatomie di Josef Mengele (Francesco Brioschi Editore), proposto da Ilaria Catastini;
  • Gesuino NémusL’eresia del Cannonau (Elliot), proposto da Arnaldo Colasanti;
  • Rosario PalazzoloLa vita schifa (Arkadia), proposto da Giulia Ciarapica;
  • Alfredo PalombaTeorie della comprensione profonda delle cose (Wojtek), proposto da Antonella Cilento; 
  • Francesca PansaNessuna notte è infinita (Rizzoli), proposto da Aurelio Picca;
  • Renzo ParisMiss Rosselli (Neri Pozza), proposto da Nadia Terranova;
  • Valeria ParrellaAlmarina (Einaudi), proposto da Nicola Lagioia;
  • Paolo PecereRisorgere (Chiarelettere), proposto da Fulvio Abbate;
  • Lorenza PieriIl giardino dei mostri (E/O), proposto da Martina Testa;
  • Remo RapinoVita, morte e miracoli di Bonfiglio Liborio (Minimum Fax), proposto da Maria Ida Gaeta;
  • Giovanni RicciardiLa vendetta di Oreste (Fazi), proposto da Saverio Simonelli;
  • Ilaria RossettiLe cose da salvare (Neri Pozza), proposto da Wanda Marasco;
  • Lodovica San GuedoroAmor che torni… Un’educazione sentimentale (Felix Krull Editore), proposto da Paolo Ruffilli;
  • Ezio SinigagliaL’imitazion del vero (TerraRossa), proposto da Lorenza Foschini; 
  • Lorena SpampinatoIl silenzio dell’acciuga (Nutrimenti), proposto da Lidia Ravera;
  • Olimpio TalaricoCosa rimane dei nostri amori (Compagnia Editoriale Aliberti), proposto da Ferruccio de Bortoli;
  • Marina ValensiseLa temeraria. Luciana Fossati Gawronska, un romanzo del Novecento (Marsilio), proposto da Eva Cantarella;
  • Chiara ValerioIl cuore non si vede (Einaudi), proposto da Jhumpa Lahiri;
  • Enrico VanzinaMio fratello Carlo (HarperCollins Italia), proposto da Masolino D’Amico;
  • Piera VentreSette opere di misericordia (Neri Pozza), proposto da Cesare de Seta;
  • Sandro VeronesiIl colibrì (La nave di Teseo), proposto dall’Accademia degli Scrausi; 
  • Daniele VicariEmanuele nella battaglia (Einaudi), proposto da Michele Dalai;
  • Gian Mario VillaltaL’apprendista (SEM), proposto da Franco Buffoni.

«

»

2 COMMENTI

  • giulia

    Ho letto “Quel che affidiamo al vento”, di Laura Imai Messina. La storia può essere coinvolgente, ma lo stile mi pare pesante. A volte l’autrice azzarda metafore poco convincenti. Nel complesso, a dispetto delle tante recensioni trovate online, non mi ha convinta. Ogni capitolo ha una formula di chiusura avvincente, una frase che funziona da “massima”, da “morale”, ma è lo stile narrativo che appesantisce a mio avviso l’opera. Ho fatto tanta fatica a leggere il libro.
    Oggi, per caso, scopro che il libro è tra i finalisti dello Strega 2020.
    (…)

  • La scena si apre in Scizia, fra aspri monti e lande desolate. Efesto, il Potere (Κράτος) e la Forza (o Violenza, Βία) hanno catturato il titano Prometeo e lo hanno incatenato ad una rupe. Zeus lo punisce perché ha donato il fuoco agli uomini, ribellandosi al suo volere. Il titano viene quindi raggiunto da vari personaggi, che tentano di portargli conforto e consiglio: le Oceanine, Oceano ed Io, a cui Prometeo predice il tortuoso futuro che Zeus ha dinanzi a sé e predice che uno dei suoi discendenti riuscirà a liberarlo dalla punizione divina. Prometeo ha però una via di fuga dall’angosciosa situazione in cui si trova, perché egli conosce un segreto che potrebbe causare la disfatta del potere olimpico retto da Zeus…

    IL FUOCO:
    “AMOR CHE TORNI…”, di Lodovica San Guedoro, quattro volte allo Strega in cinque anni, quattro volte ignorata dal Comitato direttivo e non ammessa nella dodicina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Segui @lalettricecontrocorrente