Cerca...
TOP

RECENSIONE: Risorgere (Paolo Pecere)

Risorgere - Paolo Pecere - Chiarelettere
RECENSIONE: Risorgere (Paolo Pecere)

Risorgere

Valutazione:
three-half-stars
Autore:
Pubblicato da:
Data uscita:
21/11/2019

Pagine:
320
Genere:
ISBN:
9788832962970
ASIN:
B081CZH1SM
Acquista:

La trama

Nell’anno dell’anniversario di Tienanmen, un romanzo che ci interroga su quel passato tragico e sul futuro dell’Europa, tra ideali traditi e ricerca di riscatto. Da Roma alle montagne himalayane, da Berlino a Hong Kong, due generazioni seguono le tracce della violenza e dell’amore, in cerca di un nuovo inizio.
Marco e Gloria si perdono sui monti himalayani, in una valle senza uscita oltre il confine della Cina, tra ghiacci che si sciolgono e nessun segno di vita. Gloria scivola in un crepaccio e scompare.Erano arrivati fin qui in cerca di Chen, il padre cinese di lei, uno degli studenti di piazza Tienanmen, diventato poi ricco imprenditore in Africa, giocatore d’azzardo nei casinò di Macao, infine pellegrino nei monasteri buddhisti tibetani. Di lui Gloria ha avuto notizie solo dai racconti di sua madre. All’arrivo della ragazza, con le sue domande sul passato, Chen è sparito e sembra si sia incamminato verso le montagne. Ma interviene sulla scena un nuovo personaggio, Liang, vecchio amico e amante di Chen, che ripercorre nella memoria la propria vita di poeta attraverso la violenza del Novecento cinese, mentre Marco cerca Gloria, e ricorda i loro anni insieme tra Berlino e Roma. Due storie si sovrappongono negli eventi di pochi giorni, mentre i due narratori seguono le tracce della figlia e del padre.Un romanzo sul tempo, quello europeo che sembra non muoversi oltre il Novecento, equello cinese che accelera sul futuro cercando di rimuoverlo, su mondi e lingue che si cercano e si respingono, tra Roma, Berlino, Hong Kong e il Tibet, sul passato tragico di una famiglia e di un secolo che come un sortilegio impedisce l’amore e torna a chiedere il conto.

 -Curiosità –

Risorgere di Paolo Pecere (Chiarelettere) è un libro che mi ha sorpreso. Quando Chiarelettere mi ha proposto di leggere il romanzo io non stavo più nella pelle perché questa è una casa editrice che amo da anni e recentemente, per la collana di narrativa, ho letto L’invenzione degli animali di Paolo Zardi (LEGGI qui la mia recensione).

Risorgere - Paolo Pecere - ChiarelettereNon so molto della Cina, anzi diciamolo, non so quasi nulla sul mondo orientale e Risorgere è stata l’occasione per  tuffarmi, in compagnia di strani personaggi, in un viaggio difficile, impossibile da dimenticare. Un viaggio tra generazioni, Paesi, culture. Una ricerca di identità impegnativa e piena di ostacoli. Luci e ombre… ma veniamo alla storia. Marco e Gloria sono i protagonisti: si sono persi tra le montagne dell’Himalaya. Gloria precipita nell’oscurità e Marco non può fare a meno di seguirla. Si trovano a migliaia di chilometri da casa ed è come se si trovassero in una dimensione parallela. In quel buco il tempo non esiste, le domande che prima sembravano fondamentali si dissolvono nell’oscurità.

Rieccomi, Gloria. La traccia della tua caduta è un graffio bianco sulla montagna. Ti chiamo, sento un suono.  Neve che scricchiola. I canaloni a picco, a mezz’ora da qui, sono la sola via per arrivare giù da te. Ho la corda, roba da mangiare. Quel tizio manderà i soccorsi, o forse no, in ogni caso che altro posso fare? Già t’immagino che mi vedi da lontano, e punti il dito sul polso per dirmi che ho fatto tardi.

Risorgere - Paolo Pecere - ChiarelettereMarco e Gloria si trovano lì perché Gloria sta cercando suo padre Chen un uomo dalle mille risorse, dai mille volti.  Chen era uno degli studenti di piazza Tienanmen, diventato poi ricco imprenditore in Africa, giocatore d’azzardo nei casinò di Macao, infine pellegrino nei monasteri buddhisti tibetani. Un uomo conosciuto soltanto attraverso i racconti della madre.

Era il 1989 quando in massa le persone scesero in piazza a protestare per i propri diritti: la cosiddetta Primavera democratica cinese ha pagato un prezzo altissimo. Cosa  è rimasto trent’anni dopo? Morti, feriti e il divieto di parlare di quello che è successo, almeno in Cina. Sono  però diventate celebri le immagini di uno studente disarmato di fronte ai carri armati e quel grido di libertà.

Realtà e fantasia in Risorgere si mescolano, gli occhi di Chen hanno visto le immagini delle proteste, della strage, dell’orgoglio e del dolore. Ma non è così semplice raccontare questa storia, nemmeno a decenni di distanza. Gloria è determinata a sapere di più sul padre che però, ancora una volta, fugge, facendole morire in gola le domande ma non la voglia di trovarlo.

Inquietante e magnetico, l’amico giornalista di Chen, Liang. Con lui il racconto diventa ancora più dinamico. Saranno continui i flashback. Presente e passato si fonderanno. Mentre Marco cerca di ritrovare Gloria ci racconterà come l’ha conosciuta e la stessa cosa farà Liang con Chen portandoci in un mondo lontanissimo dal nostro. Famiglia, cultura, è tutto diverso per Liang e Chen, e Pecere con poche pagine colloca tutti i personaggi sulla scena, aiutandoci così a comprendere il quadro generale. Uno scenario fatto di violenza, repressione, ma anche amore, sussurri e grida.

Risorgere - Paolo Pecere - ChiarelettereUn viaggio tra Roma, Berlino e la Cina. Ci sentiremo trottole impazzite mentre veniamo sballottati da una parte all’altra, fino ad arrivare a un finale che non solo commuove ma stupisce.

Risorgere è ricco di spunti e di temi, la trama è ricchissima e viene sviluppata in poche pagine. Avrei voluto che la parte del racconto che coinvolge Liang e Chen durasse più a lungo. Ho ancora sete di sapere, rileggere le pagine che ripercorrono le atrocità commesse nell’87, vorrei provare un po’ di tenerezza per quel ragazzo diventato un vecchio che scappa dalla figlia… vorrei poter stare ancora un po’ in compagnia di Marco e Gloria e possibilmente non sul fondo di un crepaccio.

(…) Bacia la foto del figlio e la rimette in un cassetto. Il volto dello studente democratico e quello del martire cristiano vanno tenuti nascosti. Lavare via le tracce è necessario per prevenire il contagio di idee malsane e promuovere il futuro radioso.  A Tienanmen c’è stato un tradimento della patria.

L’idea confusa che abbiamo di Chen, con tutte le sue svolte, si confonde con quella che abbiamo della Cina. Ce lo immaginiamo che parla di socialismo e di capitalismo, di buddhismo e di gioco d’azzardo, di brutto e di bello, di tutti gli opposti che la Cina confonde con un colpo di bacchetta. Nan e l’unica parente che hai trovato e l’unica persona che lo ha conosciuto ma questo accadeva in un’epoca che per lei è un pensiero remoto e infelice, perciò sempre più sbrigativa dice: «Mei you! Non c’è! Chen mey you».  Non c’è, Chen non c’è. Ma tu insisti, la costringi almeno a raccontarci di lui.

Risorgere di Paolo Pecere è…

Un libro che mi ha messo una grandissima curiosità. Non mi sono mai interessata alla Cina perché mi è sempre sembrato un mondo così distante  e incomprensibile. Ecco, la storia di Chen, Liang, Mou Song, la lotta per la democrazia, la repressione, il dolore dei familiari, ha acceso in me una curiosità che non si spegnerà. Pecere è bravo a coinvolgerci mescolando di continuo voci e storie, ipnotizzandoci e portandoci molto velocemente verso un finale che ci fa fare l’ennesimo salto temporale. Avrei voluto qualche pagina in più, per entrare ancora più in sintonia con i personaggi e soprattutto avrei voluto sapere ancora di più su quel 4 giugno.

Consigliato per chi ha voglia di leggere qualcosa di nuovo, avventuroso e dinamico. Avrete bisogno di scoprire di più sulla Cina e le ossessioni dei protagonisti diventeranno, almeno per un po’, anche le vostre.

 

three-half-stars

Alcune note su Paolo Pecere

Paolo Pecere

Paolo Pecere (Roma, 1975) insegna Storia della filosofia. Ha pubblicato diversi saggi tra cui “L’anello che non tiene. Tolkien tra letteratura e mistificazione” (2003, con L. Del Corso), “La filosofia della natura in Kant (2009), “Dalla parte di Alice. La coscienza e l’immaginario” (2015). È autore (con R. Chiaradonna) del manuale per Licei “Filosofia. La ricerca della conoscenza (Mondadori 2018). Scrive di viaggi, scienza e letteratura su «il Tascabile». Il suo primo romanzo, “La vita lontana”, è stato pubblicato nel 2018 da LiberAria, Chiarelettere nel 2019 ha pubblicato il suo secondo romanzo “Risorgere”

«

»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Segui @lalettricecontrocorrente