Cerca...
TOP

RECENSIONE: Anne e i fantasmi (Laura Freundenthaler)

Anne e i fantasmi - Laura Freudenthaler - Voland editore
RECENSIONE: Anne e i fantasmi (Laura Freundenthaler)

Anne e i fantasmi

Valutazione:
three-stars
Autore:
Traduttore:
Pubblicato da:
Data uscita:
22/07/2021

Pagine:
192
Genere:
ISBN:
9788862434256
ASIN:
B09B7JYQQ9
Acquista:

La trama

Nel corso del suo anno sabbatico, che intendeva trascorrere a suonare il piano e a completare la stesura di un manuale di musica, la vita della cinquantenne Anne subisce un brusco cambio di rotta. Abbandonati hobby e abitudini, di giorno vaga per le strade e di notte scrive le proprie osservazioni in un taccuino. L'appartamento dove ha vissuto con Thomas per oltre vent'anni le va sempre più stretto, anche perché l'uomo sembra ogni giorno più assente. Anne sospetta un tradimento del marito e la presunta amante le appare come un fugace fantasma sussurrante... Una storia di gelosia e passione, una rivisitazione innovativa del tema classico del triangolo amoroso, l'intenso ritratto di una donna in un mondo di immagini allo specchio e doppifondi dove i confini tra realtà e illusione sfumano lentamente.

 – Malinconia –

Anne e i fantasmi - Laura Freudenthaler - Voland editoreAnne e i fantasmi  di Laura Freundenthaler (Voland) è la storia di un matrimonio in crisi, un amore al tramonto… o forse no, forse è soltanto il racconto di un’insegnante che si muove continuamente tra presente e passato in un gioco di specchi in cui è difficile identificare il confine tra ciò che è stato e ciò che sarà.

Anne e i fantasmi è il romanzo vincitore del premio dell’ Unione Europea per la letteratura nel 2019 con i diritti di traduzione venduti in diciannove Paesi. I capitoli sono brevi e contrastano con il ritmo lento, lentissimo del libro. Ci sono colpi di scena, ribaltamenti ma tutto avviene come in un lungo sogno, con il piacevole sottofondo del pianoforte… vediamo se riesco a spiegarmi.

Anne affronta l’autunno durante il suo anno sabbatico, per la prima volta da non si sa quanto tempo è pronta a godersi ogni attimo libero…un sogno o un incubo a seconda dei casi. Anne ha deciso di trascorrere le giornate in una caffetteria annotando tutto quello che succede intorno e dentro di lei. Un lavoro certosino e mentre le parole scivolano anche fuori dai fogli, ci ritroviamo a seguire il filo dei pensieri di Anne. Ci sono i ragazzini che suonano, come lei, senza scarpe, ci sono le ricevute spiegazzate del marito, i pianti in bagno, il sogno di raggiungere una casa… tutto sembra confuso e al tempo stesso chiaro.

Anne e i fantasmi - Laura Freudenthaler - Voland editoreThomas è il marito di Anne e da diverso tempo intrattiene una relazione con una ragazza e non è nemmeno la prima volta. Anne comincerà a vedere il riflesso di questa ragazza ovunque e al lettore (ma anche ad Anne stessa) non sarà più chiaro se il viso che sta guardando sia quello di Anne da giovane, sia un fantasma o sia davvero l’amante di Thomas.

Questo è un amore in dissoluzione, o semplicemente un amore che si trasforma ma non necessariamente si affievolisce. E intanto la ragazza rovista negli armadi, respira accanto ad Anne durante le notti, la soffoca con la sua presenza, attrae e respinge la nostra protagonista che ben presto si trova prigioniera nella propria casa.

Il fantasma la attrae e la respinge. Sono lontani, lontanissimi i tempi in cui Anne e Thomas ridevano, partivano all’avventura… momenti che Thomas vive con un’altra, o forse con Anne del passato.

Aveva flirtato con lui spudoratamente, raccontava Thomas in seguito, e Anne sosteneva di non aver mai flirtato spudoratamente. Con raffinatezza, si correggeva Thomas. Gli aveva fatto girare la testa. È da molto tempo che non raccontano più a nessuno la storia del loro incontro. Quando l’hanno fatto di recente, arrivati a quel punto Anne aveva sorriso come sempre, come se nascondesse un segreto. Thomas è in grado di ripetere cosa si erano detti all’epoca, e come Anne avesse ancora un accento irresistibile. Lei ricorda che nel foyer del cinema c’era chiasso e che faceva fatica a capire Thomas. Al tempo aveva una parlata più dialettale. Ricorda di aver raccontato a una amica di quel suo sorriso che compariva inaspettato, imprevisto sul volto di lui. Quando ancora tenevano fotografie appese alla parete, all’ingresso ce n’era una scattata da Anne. Era arrivata alle spalle di Thomas e gli aveva puntato la macchina fotografica addosso senza che lui lo sapesse. Quando lui aveva girato la testa all’indietro per guardarla, aveva scattato. È di fronte al cinema, che ancora non ha aperto. Si avvicina alla vetrata, scherma la luce con le mani per guardare nel foyer, lo hanno ristrutturato. Il bar non c’è più.


Anne e i fantasmi è…

Malinconia. Il libro è breve, brevissimo ed è avvolto da questo sentimento agrodolce. La malinconia di Anne mentre suona il piano, quella che la avvolge mentre scrive al caffè, quella che tinge tutti i ricordi felici con Thomas. Sono sincera, pur riconoscendo il valore del libro, ho fatto un pochino di fatica a tenere il filo. Fortunatamente, ancora una volta, è stata preziosissima la postfazione di Paola Del Zoppo che è anche traduttrice di Anne e i fantasmi. Ha inserito il romanzo in una tradizione letteraria precisa, e ha illuminato tutti i passaggi oscuri, o comunque in ombra.

Sono sicura che sentiremo parlare tanto di questa autrice austriaca in grado di aprire mondi e spazi temporali con una manciata di parole.

Consigliato per qui è in cerca di una storia intensa, ricca di contrasti e con una bella dose di malinconia. Guardate attentamente gli specchi, non siete più soli.

 

 

three-stars

Alcune note su Laura Freudenthaler

Laura Freudenthaler nata a Salisburgo nel 1984, è considerata tra gli autori più originali e promettenti del panorama contemporaneo. Ha pubblicato un libro di racconti e due romanzi. Con Anne e i fantasmi – i cui diritti di traduzione sono stati venduti in 19 paesi – ha vinto nel 2019 il Premio dell’Unione Europea per la letteratura.

«

»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Segui @lalettricecontrocorrente