Cerca...
TOP

Gli ultimi cinque libri aggiunti alla mia wishlist

gli ultimi cinque libri aggiunti alla mia wishlist

Oggi dopo tanto tempo torna finalmente la rubrica Cinque cose che…  dell’omonimo gruppo Facebook. L’appuntamento che ho scelto per oggi è Cinque libri aggiunti alla mia wishlist, ovvero come amo chiamarla io in italiano: la lista dei desideri.

Tito di Gormenghast di Mervin di Mervyn Peake

Tito di Gormenghast di Mervyn Peake adelphi edizioni

Ho sentito parlare molto bene di questa trilogia e sono rimasta incuriosita. Apriamo questo libro e ci troviamo in un mondo parallelo al nostro. È Gormenghast, un immane castello, che nessuno dei suoi abitatori ha percorso in tutti i suoi anfratti. Un tempo, doveva essere pieno di tinte squillanti: ora è un intreccio di crepe, e le tinte sfumano fra grigio, verde lichene, rosa antico e argento. Vi incontriamo esseri disparati: un nobile melanconico e saturnino, settantaseiesimo conte di Gormenghast, che è il reggitore del luogo; sua moglie, avvolta in una nube di gatti bianchi; la figlia, selvatica e sognante fra giocattoli vecchi, libri e pezze di stoffa; dignitari di cartapecora, dalle gambe di ragno, custodi di un ordine ormai inaridito; orripilanti figuri che sovraintendono alle cucine; giovani acrimoniosi, che covano la rivolta. Ma c’è qualcosa che unisce questi personaggi: il loro corpo e la loro psiche sono una concrezione del castello – così come il castello è una concrezione del loro essere. Nessuna vita è per loro concepibile al di fuori di quei corridoi di pietra, di quei saloni, di quelle torri, di quei solai. La natura non esiste, se non come riflesso del castello, dove la polvere è polline: perché Gormenghast è tutto. La nascita di un erede maschio, Tito di Gormenghast, porterà una minaccia di cambiamento, per il solo fatto di essere qualcosa di nuovo. E qui ha inizio la saga narrata da Peake, un’impresa grandiosa della letteratura fantastica – e insieme un vasto disegno allegorico che traspare dietro l’esuberanza delle immagini.

Corpi celesti di Jokha Alharthi

Corpi celesti di Jokha Alharthi

Una saga familiare particolare: non posso non averla. Nel piccolo paese di ‘Awafi, in Oman, vivono tre sorelle. Mayya, la maggiore, sposa ‘Abdallah, figlio di un ricco mercante di schiavi, dopo aver sofferto patimenti d’amore. Insieme saranno felici, e la loro unica figlia femmina, London, diventerà medico e sarà una donna forte ed emancipata. Asma’, appassionata di letteratura e romantica sognatrice, si sposa per puro senso del dovere. Khawla, la più bella, rifiuta tutti i pretendenti e resta in attesa del suo grande amore, emigrato in Canada. Intrecciando le vicende di ‘Abdallah, il cuore del romanzo, che riflette sulla sua vita mentre si trova in volo verso Francoforte, a quelle delle tre sorelle e dei loro figli, Jokha Alharthi tratteggia un vivido affresco dell’Oman di oggi, con le luci e le ombre che lo contraddistinguono. Grazie all’alternanza tra passato e presente, la narrazione scorre come un fiume in piena, animata dal desiderio di confrontarsi con antiche regole e infine sovvertirle.

C’è modo e modo di sparire di Nina Cassian

C'è modo e modo di sparire di Nina Cassian

Ultimamente mi sono avvicinata alle poesie e lo sapete. Questo titolo mi attira molto. Ultima figura emblematica di una ormai classica tradizione modernista, erede e testimone di quel fecondo ambiente romeno di cui facevano parte Brancusi e Tzara, Ionesco, Eliade e Cioran, e come loro inevitabilmente esule, Nina Cassian ha percorso un tragitto artistico e umano singolare come la sua persona. Nel 1985, già titolare di una lunga carriera di successo (con qualche strappo al morso del regime), durante un soggiorno negli Stati Uniti finisce nel mirino della polizia, che ha scoperto certi suoi testi a dir poco caustici contro la politica e i politicanti del Paese: decide allora di non tornare in patria e chiede asilo politico. Qui, sostenuta e tradotta da vari poeti americani, rinasce a nuova vita. E la scelta, la riproposta, la traduzione, a volte la vera e propria ricreazione delle poesie romene precedenti l’esilio, nonché la stesura di nuovi componimenti – in romeno prima, e dopo qualche anno anche in inglese -, alimenteranno un corpus che non ha riscontri, né rivali, nell’odierno panorama poetico internazionale. Si avvertono, nella voce della Cassian, echi ravvicinati di tutta la più nobile stagione del Novecento: da Mandel’stam a Cvetaeva, da Apollinaire a Brecht a Celan, e si potrebbe risalire fino a Emily Dickinson, “sublime sorella”, o anche più indietro, all’amoroso “furor” saffico.

Primo sangue di Amélie Nothomb

primo sangue di amplie Nothomb Voland edizioni

Non è una novità. Amo Nothomb e aspetto questo romanzo con ansia. Un racconto in prima persona che rende omaggio a Patrick Nothomb, padre della scrittrice. Console generale in Congo, nell’estate 1964 Patrick Nothomb viene preso in ostaggio dai ribelli rivoluzionari. Condotto davanti al plotone d’esecuzione, il giovane diplomatico, faccia a faccia con la morte, rivive gli anni della sua infanzia. Orfano di padre, allevato dai nonni materni e innamorato di una madre inaccessibile, il ragazzo, ritenuto troppo fragile, viene spedito nella tenuta dei Nothomb, dove vive il nonno paterno. Insieme all’eccentrico barone e a una tribù di selvaggi ragazzini, cugini e zii, Patrick trascorre le vacanze estive e scopre la sua sete di vita. E poi i primi amori, la vita diplomatica, il matrimonio…

La bambina pugile di Chiara Livia Candiani

La bambina pugile di Chiara Livia Candiani einaudi

Questo libro mi chiama da un bel po’ di tempo e ancora non l’ho comprato, ma prima o poi… Le poesie di Chandra Livia Candiani si rivolgono spesso a un tu variabile, che di volta in volta si riferisce a persone presenti o assenti, prossime o lontane nello spazio e nel tempo, o ancora: comunità in potenziale ascolto, entità non individuabili, la morte, parti dell’io poetante (“Io ti converto in fame / mio silenzio”). Ma questo tu assomiglia molto a un noi creaturale che accomuna dèi, uomini e cose in una sorta di fratellanza universale in cui l’insistenza pronominale funge più da invocazione che da individuazione. O da “istruzioni per l’uso”, come nella splendida “Mappa per l’ascolto” (“Dunque, per ascoltare / avvicina all’orecchio / la conchiglia della mano”) o la corrispondente “Mappa per pregare”. Della stessa serie “pedagogica” è la strofa di “istruzioni per abbracciarsi” che abbiamo messo in copertina. Chi parla, in questi casi, è una voce sapiente ma non saccente, un soffio leggero con la forza di un vento impetuoso: il risultato di una miscela di linguaggio quotidiano e metafore evocative, colloquialità e schemi anaforici sacrali. Nel libro ci sono anche poesie sulla parte infantile di sé (secondo lo schema io-tu-noi-tutti) da coltivare o recuperare, poesie sul silenzio, sul desiderio; bellissime quelle sul lutto, declinate in varie fasi della raccolta, che sembrano contenere il massimo di precisione proprio quando i rapporti tra presenze e assenze sembrerebbero entrare nelle zone della vaghezza e dell’oscurità.

«

»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Segui @lalettricecontrocorrente