Cinque elementi essenziali che valuto nell’acquisto di un libro

Come di consueto, questo venerdì torna l’appuntamento con la rubrica Cinque cose che… ideata dal blog Twins Books Lovers. Questa settimana vi svelerò quali sono, secondo me, i cinque elementi essenziali che valuto nell’acquisto di un libro e vi mostro un volume che serva da esempio.

Nell’ultimo anno il mio modo di rapportarmi ai libri è radicalmente cambiato. Adesso ho un occhio più allenato e riesco a riconoscere e a scovare romanzi che prima non avrebbero attirato la mia attenzione.  Ci tengo a dire che non sono elencati per importanza anche perché la maggior parte delle volte a guidarmi è solo l’istinto. Ho escluso volutamente il prezzo dall’elenco, so che spesso fa la differenza: quando trovo un libro che costa tanto rifletto sempre prima di prenderlo, forse mi conviene ordinarlo, cercarlo usato, scaricare l’ebook o semplicemente mettere qualche soldino da parte per prenderlo.

La copertina

Vinpeel degli orizzonti - Peppe Millanta - Neo edizioni

La copertina mi deve colpire: bella o brutta non fa differenza. Molto spesso guardo la copertina e poi giro subito per leggere la trama, quasi non guardo il titolo. Fino a un anno fa ero abituata a guardare e riconoscere solo i libri delle case editrici più famose e… lo ammetto, snobbavo gli altri.  Ora sta succedendo l’inverso. Appena entro in libreria guardo a malapena lo scaffale novità e mi catapulto in altri angolini sperando di scovare gioielli meno conosciuti.   Ho amato follemente la copertina di Vinpeel degli orizzonti di Peppe Millanta (Neo Edizioni), così, per farvi un esempio  inedito (Qui la mia recensione).

La casa editrice

Chilografia - Domitilla Pirro - Effequ

La divisione spesso nelle librerie non è per casa editrice, salvo qualche eccezione, eppure tutti siamo abituati a riconoscere i nostri editori di riferimento. Io quest’anno ne ho scoperti tanti e sto amando le loro pubblicazioni. Quando ho comprato Chilografia di Domitilla Pirro (effequ) l’ho fatto affidandomi alla casa editrice e non mi sono sbagliata (Qui la mia recensione).

L’istinto

Nel primo cerchio

Mi è successo qualche giorno fa. Ero nella mia libreria preferita, mi sono girata e Nel primo cerchio (Voland) era lì a guardarmi. La copertina non mi piaceva, la mole mi spaventava eppure alla seconda riga di descrizione ho capito che l’avrei portato a casa. Non ho notato casa editrice, copertina, titolo… nulla. Colpo di fulmine inspiegabile (A breve pubblicherò la recensione).

Il tempo

Vite che sono la tua - Paolo di Paolo - Editori Laterza

In passato, ma in realtà anche adesso, mi è capitato di acquistare dei libri sull’onda di un impulso e poi lasciarli lì. Spesso, per motivi di spesa o di spazio, mi fermo un secondo e penso: “Ok, ti vorrei portare a casa ma ora non posso. Se saremo destinati… ci ritroveremo”. Ci sono libri che ho lasciato sullo scaffale e che non ho più desiderato e altri che invece, nonostante le settimane ho desiderato ancora: Vite che sono la tua di Paolo Di Paolo (Laterza).  Colpo di fulmine per il libro, ma non potevo acquistarlo: due mesi dopo lo desideravo ancora, e meno male! (Qui la mia recensione).

La trama e i consigli di Billy

Confessione di un amore ambiguo - Angelo Di Liberto - 01

Ovviamente da questa selezione non potrei mai escludere la trama. Una trama mi deve piacere, mi deve stuzzicare, turbare… Capisco subito che un libro mi piacerà quando arrivo alla terza riga della trama e smetto di leggere perché sono già conquistata. A volte mi sbaglio, ma la maggior parte delle volte no. E poi che ve lo dico a fare? Senza i consigli preziosissimi della comunità di Billy il vizio di leggere – gruppo facebook, non avrei scoperto tutta la bellezza della letteratura che si trova dietro a copertine sconosciute e nomi che non ci suonano familiari. Qui scelgo il libro  Confessione di un amore ambiguo di Angelo Di Liberto, uno dei fondatori del gruppo  e non perché nel gruppo vi sia auto promozione – ci tengo a sottolinearlo –  ma perché è uno dei libri più belli che abbia mai letto negli ultimi anni (Qui la mia recensione).

Rispondi