Cerca...
TOP

Il mio Borghetto del libro

Il mio Borghetto del libro è impossibile da riassumere. Il mio Borghetto del libro è fatto di sorrisi, volti, parole. Non riesco a trovare le parole per spiegare cosa ho provato sabato 5 e domenica 6 giugno a Borghetto di Valeggio sul Mincio.

Il Coronavirus ci ha tolto tantissime cose (che tali non sono) e lo scorso fine settimana ho avuto l’impressione di essere stata risarcita. Presentazioni dal vivo, nuovi e vecchi incontri. Sono felice di aver conosciuto persone nuove e soprattutto di aver incrociati gli sguardi di lettrici che conosco ma solo virtualmente.

Onorata di aver presentato Nati Nuovi di Domitilla Pirro (Effequ) e felicissima di aver vinto, insieme a due bimbi di 8 e 10 anni, il concorso Modus Legendi ad alta voce, ideato da Billy il vizio di leggere – il gruppo Facebook.  Partecipare è stato facilissimo ma altrettanto emozionante: ho letto ad alta voce l’incipit di Autoritratto di un pianoforte russo di Wolf Wondratschek (Voland).

Mi sono portata a casa diciotto libri, più quelli che ho comprato e altri che mi sono stati regalati dalle case editrici. Mi sono sentita speciale, i lettori al centro di una manifestazione con le loro passioni.

Mi sono sentita a casa, come sempre quando si parla di Billy,  e soprattutto ho toccato con mano la qualità. C’erano tutti i miei editori del cuore e mi scuso con chi non ho salutato ma la pioggia di domenica ha scombinato i miei piani.

Posso solo essere grata, ho passato un fine settimana di felicità pura, con persone a cui voglio bene e in una splendida cornice. Arrivederci all’anno prossimo!

Di seguito vi lascio un po’ di foto scattate da Matteo Tirelli.

«

»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Segui @lalettricecontrocorrente