Cerca...
TOP

Le mie letture di dicembre 2021

Le mie letture di dicembre 2021

Non posso credere che quest’anno sia passato. Le mie letture di dicembre sono state tante ho inserito anche due libri che avevo cominciato a novembre (sì, ho barato un po’). Vi auguro, nonostante tutto una fine dell’anno serena con chi amate! Ecco la lista.

Kurtz di Jean Marc -Aubert

Kurtz - Jean-Marc Aubert - Prehistorica editore

Kurtz di Jean Marc -Aubert (Prehistorica editore) l’ho divorato in treno mentre andavo a Roma per Più libri più liberi. Breve, intenso e grottesco. Questo è il racconto di una storia d’amore? Più di un’ossessione e non solo… lasciatevi stupire (LEGGI QUI la mia recensione ACQUISTA QUI il libro).

La cercatrice di funghi di Viktorie Hanišová

La cercatrice di funghi - Viktorie Hanisova - Voland

La cercatrice di funghi di Viktorie Hanišová (Voland) è un libro sull’identità, sulle ossessioni. La storia di una ragazza che ogni giorno va a cercare funghi per il ristorante del paese (LEGGI QUI la mia recensione ACQUISTA QUI il libro).

L’uomo di Philadelphia di Richard Powell

l'uomo di Philadelphia Richard Powell Marcos y marcos

L’uomo di Philadelphia di Richard Powell (MarcosyMarcos) è il libro che stiamo leggendo con il mio gruppo di lettura Saghe familiari controcorrente. Tre donne che consegnano sogni e speranze al loro Anthony. Un classico di cui vi parlerò a gennaio (ACQUISTA QUI il libro).

I fantasmi di una vita di Hilary Mantel

i fantasmi di una vita di Hilary mantelliate Fazi editore

I fantasmi di una vita di Hilary Mantel  (Fazi editore) è un memoir carico di sofferenza ma anche ironia e profondità. Non pensavo potesse piacermi così tanto! Vi parlerò di questo settimana prossima (ACQUISTA QUI il libro).

Il richiamo del dirupo di Mìcol Mei

Il richiamo del dirupo - Micol Mei - Miraggi edizioni

Il richiamo del dirupo di Mìcol Mei  (Miraggi) è un libro originale e inquietante. Quattro ospiti si ritrovano in una casa dallo stile vittoriano a picco sul mare. Lì saranno costretti ad affrontare paure, ossessioni e conti in sospeso (LEGGI QUI la mia recensione ACQUISTA QUI il libro).

La prima volta che il dolore mi salvò la vita  di Jón Kalman Stefánsson

La prima volta che il dolore mi salvò la vita di Jón Kalman Stefánsson (Iperborea)

La prima volta che il dolore mi salvò la vita di Jón Kalman Stefánsson (Iperborea) è una raccolta di poesie del famoso scrittore. Alcune sono ironiche, altre malinconiche. Cominciato a ottobre, l’ho portato a termine solo ora perché volevo centellinarle (ACQUISTA QUI il libro).

 


«

»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Segui @lalettricecontrocorrente