Cerca...
TOP

RECENSIONE: All’orizzonte (Benjamin Myers)

All'orizzonte - Benjamin Myers - Bollati Boringhieri editore
RECENSIONE: All’orizzonte (Benjamin Myers)

All'orizzonte

Valutazione:
three-stars
Autore:
Traduttore:
Pubblicato da:
Data uscita:
27/052021

Pagine:
204
Genere:
ISBN:
9788833936055
ASIN:
B0943ZVW45
Acquista:

La trama

«Uno degli scrittori più interessanti e irrequieti della sua generazione. Un suggestivo inno alla natura, profondamente sentita e osservata da vicino, e alla sua capacità di pacificare l’essere umano.»The Daily Mail
«Un libro poetico con una generosità di spirito vincente, una rivelazione di orizzonti più ampi, in senso metaforico e reale. »Sunday Times
«Un romanzo commovente e sottile per molti versi, intriso dell’amore per i piccoli piaceri della vita e dei rimpianti duraturi. È un libro che mette una donna al centro della scena senza condiscendenza. La vera meraviglia di questo romanzo è che in realtà si tratta di bontà. »The Scotsman
«Un gesto rivoluzionario, di questi tempi, aver scritto un libro così pieno di calore e gentilezza.»Max Porter, autore di Il dolore è una cosa con le piume
«Questo romanzo, lirico e piano, conferma un astro nascente della letteratura.»«The Times»
Inghilterra, 1946. Nell’estate successiva alla conclusione della Seconda guerra mondiale, Robert, sedici anni, decide di trascorrere un periodo in piena libertà a contatto con la natura, prima di cominciare il lavoro in miniera cui è destinato.Dopo qualche giorno di cammino, diretto al mare, si imbatte nel cottage di Dulcie, una donna già avanti con gli anni, eccentrica, colta, burbera, accogliente. In cambio di lavori al capanno nel suo giardino – un capanno usato in passato da una misteriosa artista – Dulcie gli offre ospitalità.Quell'inattesa generosità segna l'inizio di un'amicizia improbabile ma saldissima, che cambierà il futuro già tracciato di entrambi. Al giovane Robert, le conversazioni con Dulcie apriranno un nuovo mondo, fatto di scambi sul cibo, sulla natura, sui viaggi e sull’importanza delle parole, soprattutto scritte. Presto, Robert si avvicina, come lui dice, «a essere me stesso e non la persona che fino ad allora avevo interpretato», mentre Dulcie prova a venire a patti con il suo passato, riscoprendo nuove ragioni di vita.Con All'orizzonte Benjamin Myers si conferma uno degli autori più solidi della sua generazione, parlandoci del potere della natura per la costruzione della personalità, della forza dell’amicizia indipendentemente dall’età anagrafica, dell’importanza della letteratura, e dunque della lettura, per l’interpretazione del mondo.

– Amicizia –

All'orizzonte - Benjamin Myers - Bollati Boringhieri editoreAll’orizzonte di Benjamin Myers (Bollati Boringhieri) è un libro coccola. Un romanzo che fa riflettere, godere delle cose che abbiamo intorno e che fa ripartire con il piede giusto. Divorato in un paio di giorni di vacanza è stata la storia che mi ha permesso di distarmi, distendermi, e per me, è una novità.

All’orizzonte è una di quelle storie in grado di portarti lontano e al tempo stesso in luoghi che conoscevi già. Dulcie e Robert sono due personaggi all’opposto. Una signora sola e anziana che vive in un cottage lontano (ma non troppo) dal mare e un ragazzo di sedici anni con la voglia di superare i propri limiti.

Dulcie è una sorta di grillo parlante ma meno petulante. Quando Robert arriva nel suo giardino, è semplicemente un ragazzo che, prima di rinchiudersi nella miniera come hanno fatto papà e nonno, decide di scoprire il mondo a modo suo, girovagando per l’Inghilterra.

Bisogna tenere presente che è il 1946 e quella voglia di riscatto, di rivalsa è tipica delle persone che hanno vissuto direttamente o indirettamente la Seconda Guerra Mondiale.

All'orizzonte - Benjamin Myers - Bollati Boringhieri editoreTra i due si instaura un rapporto particolare, nonostante la differenza di età, di amicizia. Dulcie vizia Robert con pranzi prelibati e Robert cerca di ripagare le cortesie di Dolcie con piccoli lavoretti che si riveleranno più complicati del previsto. In quell’isola felice Robert rimarrà per giorni: le erbacce sono tante, il capanno ha tante magagne… e così Dulcie proverà a insegnare a Robert qualcosa che è difficile da spiegare, ma si può solo vivere.

Questa stramba signora che vive isolata dal mondo ma a contatto con la natura snocciolerà aforismi che dovremmo tutti tenere a mente, perché la vita è una sola e non si può sempre e solo faticare. Bisogna anche godersela.

La natura è preponderante in All’orizzonte, però, sullo stesso piano, ci sono anche i libri e in particolare la poesia.

La poesia è il modo in cui il genere umano ci dice che non siamo completamente soli su questa terra; offre una voce consolante che riecheggia attraverso i secoli come il lugubre richiamo di una solitaria sirena da nebbia nella notte nautica. La poesia è una scala a pioli tra i secoli, dall’antica Grecia a domani pomeriggio.

Dulcie nasconde un segreto e Robert, mosso dal desiderio di comprendere e aiutare, non ci metterà molto a farsi raccontare qual è. Intanto le giornate trascorrono tra incombenze , vino e pesce appena pescato. Ma la compagnia dei libri e ciò che rappresentato, è costante:

I libri non sono altro che carta, ma al loro interno contengono rivoluzioni. Scoprirai che gran parte dei dittatori difficilmente legge qualcosa di più delle proprie sporche agiografie. Ed è proprio qui che sbagliano: non c’è abbastanza poesia nelle loro esistenze.

Robert e Dulcie riusciranno a cambiare il futuro?


All’orizzonte è…

Una storia di amicizia.  Questi due personaggi riescono non solo a godere l’uno della compagni dell’altro, ma anche ad aiutarsi, fino ad arrivare a cambiare il proprio destino.

Ma ancora più forte era il pensiero incrollabile che Dulcie mi avesse visto in un modo assolutamente non pregiudicato dalla familiarità, dalla storia o dalle aspettative. Cioè, mi aveva preso come mi aveva trovato; non solo: aveva ritenuto opportuno trattarmi come qualcuno per cui valesse la pena prendersi il disturbo – non esattamente un suo pari, essendo chiaro che lei era una persona saggia, mondana e originale mentre io non ero nulla del genere. Eppure nel breve tempo trascorso insieme avevo cominciato a sentirmi come se stessi diventando qualcun altro. Mi stavo avvicinando a essere me stesso, e non la persona che fino ad allora avevo interpretato.

All’orizzonte è una bella storia che va dritta al cuore. Ideale per chi cerca una lettura scorrevole, rilassante e in grado di insegnarci qualcosa:

Non avere programmi è un ottimo programma” disse dopo un po’. “Non sai mai cosa ti aspetta dietro l’angolo. Uno sprazzo di sole la mattina può annunciare nuvole temporalesche del pomeriggio. La vita è lunga quando sei giovane, e breve quando sei vecchio, ma inconsistente in qualunque momento.

three-stars

Alcune note su Benjamin Myers

Benjamin Myers

Benjamin Myers è nato a Durham nel 1976. Il suo romanzo storico The Gallows Pole (2017) ha vinto il Walter Scott Prize e il Roger Deakin Award. Ha pubblicato anche libri di poesia, romanzi polizieschi, (Turning Blue, 2016, e These Darkening Days, 2017, entrambi di prossima uscita presso Bollati Boringhieri) e di recente la raccolta di racconti Male Tears, mentre suoi articoli sono apparsi su testate quali «The Guardian», «New Statesman» e «The Spectator». All’orizzonte è stato libro dell’anno 2019 per il «Times», per l’«Observer» e per la BBC, che lo ha serializzato per il programma radiofonico Book at Bedtime. In Germania è stato nominato Libro dell’anno 2020 dai Librai indipendenti.

«

»

1 COMMENTO

  • ROBERTA

    Attendo le tue recensioni grazie Roberta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Segui @lalettricecontrocorrente