Cerca...
TOP

Remo Rapino vince il Premio Campiello 2020

remo rapino vince il premio campiello 2020

“Quindi è tutto vero, non abbiamo sognato: Remo Rapino ha vinto Premio Campiello 2020!

Non ci bastano le parole per descrivere questa felicità: in questi giorni abbiamo provato a raccontarvi il viaggio insieme a Bonfiglio Liborio, ma adesso… adesso c’è solo una grande, grandissima emozione. E tanta commozione.

Vogliamo ringraziarvi per tutti i bellissimi messaggi: grazie a chi ha amato e votato questo romanzo e a chi ha fatto un tifo appassionato. Grazie da tutte e tutti noi!”.

Così la casa editrice Minimum fax ha festeggiato la notizia Vita, morte e miracoli di Bonfiglio Liborio ha vinto il  prestigioso premio.

finalisti del premio organizzato dalla Fondazione Il Campiello – Confindustria Veneto quest’anno erano Sandro Frizziero, giunto secondo con Sommersione (Fazi Editore), Ade Zeno con L’incanto del pesce luna (Bollati Boringhieri), giunto terzo, Francesco Guccini con Trallumescuro. Ballata per un paese al tramonto (Scrittori Giunti), giunto quarto, e Patrizia Cavalli con Con passi giapponesi (Einaudi), quinta.

Vita, morte e miracoli di Bonfiglio Liborio

  Liborio Bonfiglio è una cocciamatte, il pazzo che tutti scherniscono e che si aggira strambo e irregolare sui lastroni di basalto di un paese che non viene mai nominato. Eppure nella sua voce sgarbugliata il Novecento torna a sfilare davanti ai nostri occhi con il ritmo travolgente e festoso di una processione con banda musicale al seguito. Perché tutto in Liborio si fa racconto, parola, capriola e ricordo: la scuola, l’apprendistato in una barberia, le case chiuse, la guerra e la Resistenza, il lavoro in fabbrica, il sindacato, il manicomio, la solitudine della vecchiaia. A popolare la sua memoria una galleria di personaggi indimenticabili: il maestro Romeo Cianfarra, donn’Assunta la maitressa, l’amore di gioventù Teresa Giordani, gli amici operai della Ducati, il dottore Alvise Mattolini, Teté e la Sordicchia… Dal 1926, anno in cui viene al mondo, al 2010, anno in cui si appresta a uscire di scena, Liborio celebrerà, in una cronaca esilarante e malinconica di fallimenti e rivincite, il carnevale di questo secolo, i suoi segni neri, ma anche tutta la sua follia e il suo coraggio.

Per leggere le trame e acquistare i libri:


«

»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Segui @lalettricecontrocorrente