RECENSIONE: L’animale morente (Philip Roth)

RECENSIONE: L’animale morente (Philip Roth)Valutazione: three-half-stars

L'animale morente di Philip Roth
Pubblicato da: Giulio Einaudi Editore il 07/10/2010
Genere: Fiction, General
Pagine: 120
ISBN: 9788858400586
ASIN: B005VOCT22Acquista il libroAcquista ebook

La trama

David Kepesh, professore universitario di critica letteraria, è malato di desiderio, e la sua malattia si chiama Consuela Castillo, una ragazza cubana, alta e bellissima, di ventiquattro anni, che sconvolge la sua vita nel modo piú tragico e inaspettato. Sotto la penna magistrale di Philip Roth, figure di uomini e donne ricche di cruda sensualità ridisegnano in modo nuovo l'immutata fragilità degli esseri umani.

 – Disubbidiente – 

L’animale morente di Philip Roth (Einaudi) è un libro molto particolare. Questa è stata la prima volta che mi sono avvicinata a Roth e devo dire che non sono rimasta delusa. E’ difficile definire questo racconto che sfugge dalle classificazioni e dalle definizioni.

Mi hanno detto che avrei dovuto cominciare da altri romanzi di Roth ma io ho la testa dura e ho scelto comunque di leggere per primo il libro che mi aveva chiamato.

Il protagonista è David Kepesh, un professore universitario con la fissazione per il sesso. Insegna critica letteraria e si porta a letto tutte le studentesse che desidera ma solamente dopo la fine del corso. E’ più di un seduttore seriale perché Kepesh ha bisogno di fare sesso con le altre donne, non semplicemente voglia.

La sua vita viene stravolta dall’arrivo di Consuela Castillo bella studentessa cubana conscia della propria femminilità ma non ancora abituata ad usarla a suo piacimento. Consuela non è come tutte le altre studentesse frequentate in passato. Ha ricevuto un’educazione rigida e conservatrice e dentro di lei abitano due anime: quella cubana e quella americana. Difficile separarle.

(…) Consuela era sempre nei miei pensieri, per questo, con o lei o lontano da lei, non mi sentivo mai sicuro di lei. Il lato ossessivo di  tutta la faccenda era terribile. Quando sei stato sedotto da qualcosa, è bello non pensarci troppo e cullarsi nel piacere della seduzione. Ma io non avevo questo piacere; non facevo altro che pensare: pensare, preoccuparmi e… Sì, soffrire.

All’inizio sembra il professore ad esercitare potere su di lei. E’ lui a parlarle di arte, poesia e a mostrarle la biblioteca. E’ sempre lui che suona al piano la musica classica ma è sempre solo a lei ad occupargli la mente. Consuela è così diversa che Kepesh  è convinto di perderla, la gelosia lo divora e inquina un rapporto tenuto semi nascosto. Il professore è abbastanza famoso, ospite settimanalmente di una trasmissione tv, è un volto noto in città e Consuela non ci tiene ad essere paparazzata con un uomo che potrebbe essere suo padre e che sicuramente non verrebbe approvato dai genitori così tradizionalisti.

Il nostro protagonista aveva uno sguardo così disincantato sui rapporti umani e sul sesso. Separato dalla moglie non è riuscito ad instaurare un rapporto soddisfacente con il figlio che, ultra quarantenne, è intrappolato in un matrimonio infelice ma non ha il coraggio di uscirne. Ma con Consuelo viene rimessa in discussione la sua intera esistenza. Quella ventiquattrenne diventa una dea da venerare. Il corpo, giovane e bello, ha un potere enorme su Kepesh già sulla via dell’invecchiamento. L’episodio del sangue mestruale, il protagonista prostrato in ginocchio mentre le lecca il  sangue colato sulle cosce, è l’immagine che meglio fotografa questo rapporto di dedizione totale.

L’unica ossessione che vogliono tutti: l’ “amore”. Cosa crede, la gente, che basti innamorarsi per sentirsi completi? La platonica unione delle anime? Io la penso diversamente. Io credo che tu sia completo prima di cominciare. E l’amore ti spezza. Tu sei intero, e poi ti apri in due. Quella ragazza era un corpo estraneo introdotto nella tua interezza. E per un anno e mezzo tu hai lottato per incorporarlo. Ma non sarai mai intero finché non l’avrai espulso. O te ne sbarazzi o lo incorpori con l’autodistorsione. Ed è quello che hai fatto, che ti ha ridotto alla disperazione.

Riuscirà a dire basta e a staccarsene? Basterà la lontananza fisica per porre fine a un’ossessione?

Il finale ci costringerà a riconsiderare i ruoli, ci farà cambiare idea su questi personaggi che sembrano tanto discutibili e ci darà interrogare ancora e ancora.

L’animale morente è…

Prezzo: EUR 8,50
Da: EUR 10,00
Un libro disubbidiente e controcorrente. All’inizio sembra un romanzo d’amore, poi le pagine erotiche regalano altre definizioni e poi le domande sull’identità, sui rapporti amorosi e non solo, sul lutto, sull’amicizia fanno pensare ad altre classificazioni ancora.

Devo ammettere che all’inizio ho mal sopportato questo protagonista così saccente, così crudo e disilluso. Alla fine però, durante una conclusione inaspettata del romanzo, mi ha fatto una grande tenerezza. In queste pagine non c’è soltanto la passione bruciante della coppia: c’è tutta la vita del professor Desiderio e forse non è stata così clemente con lui.

Consigliato per chi ha voglia di immergersi in una storia originale, controcorrente e che lascia quel senso di angoscia che non ti abbandona, nemmeno dopo aver finito il libro.

three-half-stars

Alcune note su Philip Roth

Philip Roth

Philip Roth ha vinto il Pulitzer nel 1997 per Pastorale americana. Nel 1998 ha ricevuto la National Medal of Arts alla Casa Bianca, e nel 2002 il piú alto riconoscimento dell’American Academy of Arts and Letters, la Gold Medal per la narrativa. Ha vinto due volte il National Book Award e il National Book Critics Circle Award, e tre volte il PEN/Faulkner Award. Nel 2005 Il complotto contro l’America ha ricevuto il premio della Society of American Historians per «il miglior romanzo storico di tematica americana nel periodo 2003-2004». Roth ha ricevuto i due piú prestigiosi PEN Award: nel 2006 il PEN/Nabokov Award e nel 2007 il PEN/Saul Bellow Award for Achievement in American Fiction. La sua opera è pubblicata in forma completa e definitiva dalla Library of America. Nel 2011 ha ricevuto la National Humanities Medal alla Casa Bianca, ed è poi stato dichiarato vincitore della quarta edizione del Man Booker International Prize. Tutte le opere di Philip Roth sono presenti nel catalogo Einaudi: Pastorale americana (1998), Operazione Shylock (1998), Il teatro di Sabbath (1999), Ho sposato un comunista (2000), Lamento di Portnoy (2000), La macchia umana (2001), L’animale morente (2002), Lo scrittore fantasma (2002), Chiacchiere di bottega (2004), Zuckerman scatenato (2004), Il complotto contro l’America (2005), Il seno (2005), Inganno (2006), La lezione di anatomia (2006), L’orgia di Praga (2006), Everyman (2007), Patrimonio (2007), Il fantasma esce di scena (2008), Il professore di desiderio (2009), Zuckerman (2009), Indignazione (2009), L’umiliazione (2010), La controvita (2010), «Ho sempre voluto che ammiraste il mio digiuno» ovvero, guardando Kafka (2011), La mia vita di uomo (2011), Nemesi (2011), Goodbye, Columbus (2012), Quando lei era buona (2012), I fatti (2013), La nostra gang (2014), Il Grande Romanzo Americano (2014), Lasciar andare (2016) e Le Nemesi (2016).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *