RECENSIONE: Il giardino delle farfalle (Dot Hutchison)

RECENSIONE: Il giardino delle farfalle (Dot Hutchison)Valutazione: four-stars

Il giardino delle farfalle di Dot Hutchison, Gabriele Giorgi
Pubblicato da: Newton Compton Editori il June 15th 2017
Pagine: 336
ISBN: 882270441XAcquista il libroAcquista ebook

La trama

Vicino a un palazzo isolato c'è un bellissimo giardino dove è possibile trovare fiori lussureggianti, alberi che regalano un'ombra gentile e... una collezione di preziose "farfalle": giovani donne rapite e tatuate in modo da farle assomigliare a veri lepidotteri. A guardia di questo posto da brividi c'è il Giardiniere, un uomo brutale e contorto, ossessionato dalla cattura e dalla conservazione dei suoi esemplari unici. Quando il giardino viene scoperto dalla polizia, l'unica sopravvissuta viene messa in salvo e poi interrogata. Gli agenti dell'FBI Victor Hannover e Brandon Eddison hanno il compito di mettere insieme i pezzi di uno dei più complicati rompicapo della loro carriera. La ragazza, conosciuta solo come Maya, è ancora sotto shock e la sua testimonianza è ricca di episodi sconvolgenti al limite del credibile. Torture, ogni forma di crudeltà e privazione sembravano essere all'ordine del giorno in quella serra degli orrori, ma nel racconto della giovane donna con delle ali di farfalla tatuate sulla schiena non mancano le incongruenze e i salti temporali... E più Maya va avanti con il suo terrificante racconto, più Victor e Brandon si chiedono chi o cosa la ragazza stia cercando di nascondere...

– Agghiacciante –

Il giardino delle farfalle di Dot Hutchinson è un libro che racconta l’orrore, la perversione e la violenza  esercitate da un maniaco che imprigiona alcune ragazze, o meglio, concede loro di vivere in una sorta di paradiso, alle sue condizioni.

Chi sono i protagonisti? Un uomo chiamato il Giardiniere, decine di giovani donne con ali di farfalla tatuate su tutta la schiena, un giardino all’interno di un vetro e… inquietanti teche. E questi sono solo alcuni degli ingredienti che compongono questo libro, fatto di riflessioni, psicologia e tanto orrore.

Una storia agghiacciante, in cui la verità viene più volte distorta e sembra avere più di un significato. Il giardino delle farfalle è un thriller che tiene incollati fino all’ultima pagina anche i lettori che, come me, stanno ben lontani dal genere.

Questo maniaco sceglie delle ragazze e poi le strappa alle loro vite per rapirle e costruire una realtà…finta. Loro sono le sue farfalle fino a quando non compiono il 21esimo anno di età. Si prende cura di loro, le rinomina e le ama. Peccato che il suo amore significhi marchiarle, stuprarle e… ucciderle.

Le creature bellissime hanno vite molto brevi, così mi aveva detto al nostro primo incontro.

Lui se ne assicurava e si forzava di dare alle sue Farfalle una strana specie di immortalità.

Ma non è la brutalità da sola a di occupare il palcoscenico di questo racconto. A parlare  in prima persona è Maya, una giovane ragazza catturata mesi prima e ora interrogata dall’FBI. Le sue frasi turbano profondamente gli agenti, le sue ricostruzioni sembrano voler portare il lettore a diverse riflessioni. Maya tratteggia le distorsioni del suo aguzzino, i grotteschi pensieri delle sue compagne di sventura destinate a morire e i caratteri dei membri della famiglia del Giardiniere.

Non c’è banalizzazione in questo libro, nulla è lasciato al caso e niente è scontato, tanto meno il finale.

Quali di queste ragazze, ognuna ha una caratteristica che va comporre il carattere di Maya, riuscirà a salvarsi? E si salveranno veramente?

“Alcune persone restano spezzate. Altre raccolgono i cocci e li rimettono assieme con tutti i bordi taglienti bene in vista”.

In un continuo alternarsi tra la sala degli interrogatori e il giardino perverso, la narrazione è dinamica e incalzante. Presente e passato continuano a mischiarsi e Maya riuscirà a tirare fuori anche i ricordi più dolorosi della sua infanzia. Ma solo alla fine il puzzle riuscirà a completarsi.

Il giardino delle farfalle è…

Agghiacciante perchè la storia non potrebbe essere definita in altro modo. Un maniaco si diverte a giocare con le donne come fossero animali rari. Affetto da un disturbo così perverso che non riesce a distinguere l’amore dalla violenza.

Le vittime cercano una parvenza di normalità in una situazione paradossale, custodendo gelosamente i loro ricordi e coltivando le loro passioni, chi la lettura, chi la musica e chi la scultura… Non pensavo che questo libro potesse essere il mio genere e… ancora una volta mi sono sbagliata. Consigliatissimo perchè è un libro curato, profondo e davvero coinvolgente.

four-stars

Alcune note su Dot Hutchison

È l’autrice di A Wounded Name, un romanzo ispirato all’Amleto di Shakespeare. Il thriller Il giardino delle farfalle è stato un successo straordinario per settimane in vetta alle classifiche di Amazon. Per ulteriori informazioni sui suoi progetti, visitate il sito www.dothutchison.com o seguitela su Twitter (@DotHutchison) e Facebook.

4 commenti

  1. CapitoloZero Blog

    Bellissima recensione, complimenti!
    Concordo su ogni tua parola. Pur adorando il genere, è la prima volta volta che leggo un thriller tanto coinvolgente quanto inquietante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *