RECENSIONE: Dieci piccoli infami (Selvaggia Lucarelli)

RECENSIONE: Dieci piccoli infami (Selvaggia Lucarelli)Valutazione: three-stars

Dieci piccoli infami di Selvaggia Lucarelli
Pubblicato da: Rizzoli il July 13th 2017
Genere: Narrativa italiana
Pagine: 224
ISBN: 9788858690352Acquista il libroAcquista ebook

La trama

La migliore amica che tradì la sua fiducia dopo cinque anni, quelli delle elementari, di complicità ininterrotta e simbiosi pressoché totale. Un parrucchiere anarchico, poco incline all'ascolto delle clienti e molto a gestire taglio e colore in assoluta libertà. Il primo ragazzo a essersi rivolto a lei chiamandola gentilmente "signora". Un ex fidanzato soprannominato Mister Amuchina per la sua ossessione paranoide verso l'igiene e l'ordine, prima che un incidente ponesse provvidenzialmente fine all'asettica relazione. La suora che avrebbe voluto fare di lei la prima "Santa Selvaggia" della storia. Sono solo alcuni dei personaggi inseriti da Selvaggia Lucarelli nella sua personalissima blacklist, un girotondo di piccoli infami che, più o meno inconsapevolmente, l'hanno trasformata anche solo per pochi minuti in una persona peggiore. Dopo il grande successo di Che ci importa del mondo, suo romanzo d'esordio, Selvaggia Lucarelli ci consegna un libro scritto con sincerità, autoironia e con il suo inconfondibile stile corrosivo. Perché Dieci piccoli infami non è solo una rassegna di incontri sciagurati ma un'autentica resa dei conti: con i mostri più o meno terribili in cui inciampiamo nella vita e anche un po' con la nostra capacità di riderne e di (non riuscire proprio a) perdonare.

– Esilarante –

Selvaggia Lucarelli come Hannah Baker della famosa serie tv “Tredici”. In Dieci piccoli infami, la Lucarelli nomina dieci persone che l’hanno resa una persona peggiore e con grande sorpresa leggendo i dieci capitoli è facile pensare: “Ehi l’ho incontrato anche io questo!”.

Finalmente lo posso dichiarare nero su bianco, senza vergognarmi della mia meschinità: no, non vi ho perdonato, belli miei.Se l’avessi fatto, questo libro sarebbe dedicato alle dieci persone meravigliose in cui mi sono imbattuta, io sarei una suora misericordiosa anzichè una rinomata stronza e, diciamolo, questo scritto sarebbe molto meno liberatorio e molto, molto meno divertente.

Tante hanno avuto un’amica come Susanna, prima inseparabile poi impalpabile. Selvaggia viene ignorata dalla migliore amica delle elementari in favore di un’altra compagna, una nuova arrivata con i capelli più lucenti dei suoi. E si, tante di noi quell’ex amica non l’hanno mai perdonata: è quella che ha generato il primo trauma d’abbandono.

Ma quelli di Selvaggia non sono solo episodi vissuti durante l’infanzia. Tra  gli “sciagurati incontri”, piuttosto recenti, anche quello di un ex compagno/fidanzato denominato Mister Amuchina. La Lucarelli, e non solo, pensava di averli visti tutti i “casi umani” maschili ma evidentemente non aveva ancora incontrato quello fissato con l’igiene.

Senza accorgermene, iniziai ad attenderlo di ritorno da lavoro non più in babydoll sul letto che facevo moine, ma sulla scala in mutande che pulivo la portafinestra. Per il nostro quarto mesiversario gli annunciai una sorpresa che avrebbe scoperto solo entrando in bagno: no, non gli avevo comprato un rasoio elettrico. Avevo trascorso il pomeriggio con l’anticalcare e una spazzola a eliminare le fughe nere delle doccia nelle piastrelline a mosaico da tre centimetri.

Esilarante il capitolo sul ragazzo gentile,  ragazze mettetevi il cuore in pace, dopo i venticinque anni si incontrano sempre più spesso.

Dieci piccoli infami è…

Un libro leggero e divertente. Ideale da leggere prima di andare a dormire oppure nella pausa pranzo. Obbligatorio da leggere per chi ama il sarcasmo, lo stile ironico e spietato di chi dice, e scrive, sempre quello che pensa. Peccato però, che non sia coinvolgente come il primo libro della Lucarelli, “Che ci importa del mondo”. Lo stile è lo stesso ma il libro è molto meno coinvolgente.

 

three-stars

Alcune note su Selvaggia Lucarelli

Selvaggia Lucarelli

Selvaggia Lucarelli è scrittrice, editorialista per «il Fatto Quotidiano» e protagonista di numerosi programmi TV, tra cui Ballando con le stelle. È senza dubbio la donna più influente del web italiano, e forse anche la più temuta. Dai suoi profili social e sulla prima pagina del «Fatto» scrive con tagliente ironia di politica, media, costume e società. Nel 2014 ha pubblicato con Rizzoli il suo primo romanzo, Che ci importa del mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *