SEGNALAZIONE: Nenèss (Laura Pacchioni)

Buon martedì lettori! Come di consueto, è tempo di segnalazioni. Questa settimana, accompagnata da Chiara e Matteo di Libriamoci parliamo di Nenèss di Laura Pacchioni.

Nenèss

Londra, una trentenne italiana, amore, amicizia, il mondo gay, le speranze, paure e passioni di vari personaggi che passano inevitabilmente dall’enoteca di Nenèss. Ogni giorno una “song of the day” da colonna sonora. Un “sex and the city” londinese, divertente e profondo, passionale ed emozionante.

Prezzo: EUR 13,38
“La struttura del libro è stata messa insieme davanti a un paio di bottiglie di buon prosecco e in compagnia di un amico fidato che poi mi ha supportata e sopportata per l’anno e mezzo che ho impiegato a scrivere “Neness”, commuovendosi, arrabbiandosi, facendo sempre il tifo per me. Grazie Robert, sei stato unico e indispensabile! Sono felice perché ho provato a me stessa che sono in grado di scrivere un libro, di iniziare e portare a termine un progetto. Sono felice perché le persone che lo hanno letto hanno avuto sempre parole entusiaste. “Neness” parla di vita normale, una ragazza italiana che vive a Londra e che gestisce un’enoteca, i suoi amori, le amicizie, le speranze, le paure. Sono argomenti che trattiamo tutti i giorni, sono le cose della vita, in cui chiunque ci si può immedesimare. Sono speciali perché ognuno di noi è unico e irripetibile e ovviamente Neness lo è in modo particolare: forte e fragile, disinibita e rispettosa, passionale e amorevole. Grazie a chiunque di voi lo leggerà, spero sinceramente che vi appassioni”.

Per saperne di più cliccate QUI.

(QUI invece trovate la recensione di Libriamoci)

Alcune note su Laura Pacchioni

Laura Pacchioni

Sono nata nel 1976 in Lomellina, che è quella parte di pianura padana famosa per le zanzare e la nebbia. Sono cresciuta in un piccolo paesino sognando le grandi metropoli, New York, Londra. Intanto viaggiavo sui libri, ero sempre più affamata di letture che potessero soddisfare il mio gusto e appassionarmi con nuovi personaggi. A volte però terminavo i libri stizzita, pensando “questo lo potrei scrivere anch’io!”. Ho provato mille volte a iniziare a scrivere un libro vero e proprio, ma non trovavo il giusto filo conduttore. Sono sempre stata affascinata dalle storie con un grande amore, di quelli che non ti fanno dormire la notte, o che si ritrovano dopo decenni, o che ti complicano la vita.  Ho visitato per caso il sito della scrittrice Lisa Genova e c’e una parte chiamata regole per scrivere un libro. Dopo i soliti consigli come spegnere il telefono, dedicarsi, ecc, è arrivata una frase che è stata come un elettroshock:

Un giorno sarai morta, scrivilo ora.”

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *